Regione, bagarre in Consiglio sul minuto di silenzio per i morti di Nassiriya

Il consigliere M5S Davide Barillari non si alza, Cangemi (ncd) quasi lo aggredisce e viene fermato da alcuni colleghi. "Vergogna" denunciano da più parti. "Basta guerre" la replica.

Momenti di tensione e polemiche questa mattina in Consiglio regionale del Lazio in occasione della Giornata dei caduti civili e militari delle missioni internazionali e dell'11esimo anniversario della strage di Nassiriya. Il minuto di silenzio osservato dai consiglieri non è stato rispettato dal consigliere del M5S Davide Barillari che, al contrario dei suoi colleghi, è rimasto seduto. Un comportamento che non è piaciuto al consigliere Ncd, Giuseppe Cangemi che subito si è scagliato contro di lui arrivando quasi a un affronto fisico bloccato da alcuni consiglieri, tra i quali Gino De Paolis di Sel e Daniele Mitolo di Per il Lazio. Barillari ha replicato: "Vorrei alzarmi per ogni morto che abbiamo nel Lazio, in ogni scenario di lotta, comprese le morti bianche. Dovremmo alzarci continuamente. Semmai è questione di chiedersi perché muoiono queste persone. Queste persone sono morte a causa di una guerra".

Tutto il Consiglio ha stigmatizzato il comportamento di Barillari, a cominciare dal presidente Leodori (che ha letto un messaggio del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano) e per il quale il consigliere M5S "ha articolato un ragionamento poco comprensibile". Molto più duro proprio Cangemi: "Mi vergogno di sedere nello stesso Consiglio di Barillari, dovrebbe dimettersi". Sulla stessa falsariga il vicepresidente della Pisana, Francecso Storace: "Atteggiamento vergognoso, non ci sono interessi di parte di fronte a un morto dello Stato italiano". Parole critiche anche dall'altro vicepresidente, Massimiliano Valeriani: "Se non ci sono le dimissioni bisogna almeno chiedere scusa, che a volte è un atto di coraggio". Il consigliere Pd, Fabio Bellini, ha chiamato in causa il gruppo grillino: "Il M5S deve dirci qualcosa, vogliamo capire quanto c'è di connivenza silente. Lui è rimasto seduto, mentre i suoi colleghi si sono alzati".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il consigliere Gaia Pernarella gli ha risposto così: "Siamo stanchi di commemorare i morti con minuti di silenzio di facciata quando il nostro ruolo e'' fare le leggi per migliorare e cambiare queste cose. Noi siamo per il ritiro delle truppe italiane dalle missioni di pace perché di pace poi non sono. Barillari non ha rispettato le vostre aspettative perché siamo stanchi. Davide, come sempre ha fatto, si prenderà le responsabilità del suo gesto. E' una questione di coscienza, mentre il vostro sport preferito è strumentalizzare”. Il consigliere Barillari ha poi ribadito la sua posizione anche su Facebook: “Non possiamo piangere altri morti. Nessun militare deve più morire in missioni di guerra”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 135 nuovi casi: sono 195 in totale nel Lazio. I dati Asl del 23 settembre

  • Coronavirus Roma, presidente dell'ordine dei medici: "Nel Lazio situazione preoccupante"

  • Albero crolla su auto, il padre della ragazza nella vettura: "Criminali, oggi potevo essere al funerale di mia figlia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento