rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Politica

Condoni edilizi: "Giunta Raggi è inerte", presentato un esposto in Prefettura

Fratelli D'Italia denuncia i ritardi nella lavorazione delle 200mila pratiche già depositate. De Priamo: "Condono edilizio è tema emergenziale"

Tante pratiche depositate attendono di essere lavorate all’ufficio per il Condono edilizio. La lunga attesa dei cittadini, che aspettano le risposte anche per poi usufruire dell’Ecobonus 110%, sono ora un tema di cui dovrà interessarsi palazzo Valentini.

L'inerzia della Giunta

Sul tavolo del Prefetto è infatti finito un esposto. L’ha firmato Fratelli d’Italia “per denunciare l'inerzia politico-amministrativa della Giunta Raggi sul tema del condono edilizio” ha premesso il capogruppo in Campidoglio Andrea De Priamo. Lo sprint atteso, anche con la creazione di un ufficio di scopo e soprattutto con la promessa digitalizzazione delle pratiche affidate a Risorse per Roma non c’è stato.

Le misure inadeguate

“In cinque anni, le quasi 200mila pratiche arretrate relative ai vari condoni edilizi dei decenni passati sono state evase in misura minima nonostante la creazione di un ufficio di 'scopo' e l'approvazione di una delibera, non attuata di fatto, che proponeva la semplificazione delle procedure nulla e' accaduto ed anzi la situazione appare anche peggiorata” ha fatto notare De Priamo. Sul tema era intervenuta anche il Codacons, segnalando i ritardi che stavano impattando sulle domande per ottenere il superbonus.

Il disservizio del Comune

“La dematerializzazione delle pratiche -si legge nella nota- è una utopia e sul futuro stesso della ubicazione degli uffici, attualmente siti a Via di Decima, vi é grande incertezza. Non sono state neanche adeguatamente considerate le proposte dei tecnici e dei professionisti del settore. Si configura di fatto l'inadempimento di un obbligo di Legge, nonché un grave disservizio ai cittadini, un danno per le casse del comune per i mancati introiti nonché per il territorio ed il paesaggio per la mancata certezza sull'assetto urbanistico”.

Un tema di assoluta emergenza

In merito alla “dematerializzazione” l’obiettivo che era stato fissato da Risorse per Roma, società inhouse del Comune, era di digitalizzare entro il 2022 le oltre 50mila pratiche che le sono già state assegnate, “snellendo” grazie al supporto informatico la lavorazione che, dai 36 mesi tradizionali, potevano così scendere a novanta giorni. Secondo Fratelli d’Italia però, quest’obiettivo, rappresenta “un’utopia”. Ma soprattutto il capogruppo del partito di Giorgia Meloni ha tenuto a sottolineare che “il tema Condono é una assoluta emergenza, inquadrata giustamente come tale nel programma di Enrico Michetti, dalla quale dovrà partire la nuova Amministrazione di Roma Capitale per garantire il rispetto della legalità e dei diritti dei cittadini”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condoni edilizi: "Giunta Raggi è inerte", presentato un esposto in Prefettura

RomaToday è in caricamento