Politica

Concorsone, assunti tutti i vincitori. Raggi: "Grande risultato"

Cisl Fp: "Numeri importanti ma ancora insufficienti"

Entro l’anno Roma Capitale procederà all'assunzione di tutti i vincitori del cosiddetto 'concorsone'. Prima della fine del 2017 prenderanno quindi servizio gli ultimi 121 nuovi dipendenti risultati vincitori nell’ambito delle procedure del maxi-concorso del 2010. Lo fa sapere il Comune in una nota. 

La sindaca

"Si tratta di una grandissimo risultato" dichiara la sindaca di Roma Virginia Raggi "perché dopo sette anni viene finalmente premiato il merito e riconosciuto il diritto di chi da troppo tempo attendeva di essere assunto in Campidoglio. In un solo anno la nostra amministrazione ha sbloccato una situazione che era praticamente ferma, con i concorsisti che non intravedevano alcuna speranza. Noi rendiamo loro giustizia, ma soprattutto poniamo le basi per un rilancio della macchina amministrativa. Roma Capitale si pone come esempio di una pubblica amministrazione che valorizza il proprio personale e il merito, a vantaggio della qualità dei servizi offerti ai cittadini. Auguro ai nuovi dipendenti, a tutti quelli assunti dal giugno 2016, di poter contribuire con il loro talento e le loro capacità a una nuova stagione che si apre per l’Amministrazione capitolina".

I numeri

Con queste ultime assunzioni salirà a 523 il numero dei vincitori di concorso assunti in Campidoglio nel solo 2017, senza considerare insegnanti ed educatori. Compatibilmente con la proroga delle graduatorie vigenti, in discussione nell’ambito dell’approvazione della nuova legge di Bilancio dello Stato, Roma Capitale ha già previsto nel 2018 l’inizio dello scorrimento delle graduatorie dei candidati risultati idonei nelle stesse procedure concorsuali. L’anno prossimo verrà inoltre implementato il numero di assunzioni di agenti della Polizia locale, che saranno 350 anziché 300 come inizialmente previsto.

Il delegato al Personale 

"Proseguiamo il lavoro sulle politiche del personale in un’ottica innovativa rispetto al passato. Con il nuovo contratto decentrato Roma Capitale ha radicalmente modificato l’approccio ai sistemi incentivanti, legandoli al miglioramento dei servizi e restituendo il giusto valore al lavoro dei dipendenti. Noi crediamo che una pubblica amministrazione debba rivolgersi al futuro: investire su nuove professionalità e sui giovani è un presupposto fondamentale di questo cambiamento. L’assunzione di tutti i vincitori di concorso è un atto dovuto nei confronti di chi ha atteso per anni il riconoscimento di un diritto. Ma è soprattutto un ulteriore tassello nell’opera di riorganizzazione della nostra amministrazione" afferma il delegato della Sindaca al Personale e alle Relazioni sindacali, Antonio De Santis.

I sindacati

"Diamo atto all'amministrazione di uno sforzo notevole" scrive in una nota Giancarlo Cosentino per la Cisl Fp Roma Capitale e Rieti. "Si tratta nel complesso di 2.000 lavoratori a cui, se aggiungiamo i lavoratori del settore educativo-scolastico assunti o in procinto di essere assunti, vanno sommati altri 1.700, per un totale di circa 3.700 nuove risorse. Numeri importanti ma ancora insufficienti a coprire il fabbisogno dei servizi ai cittadini e alle imprese di una città come Roma. Per il rilancio della Capitale bisogna ora procedere all'assunzione degli idonei. Servono tanti giovani preparati e motivati per portare innovazione e qualità nella macchina amministrativa di Roma". Per il sindacalista serve "meno burocrazia e più attenzione ai bisogni delle persone e del sistema economico. E poi bisogna prevedere procedure assunzionali straordinarie per la Polizia Locale, come si è fatto per gli educatori e gli insegnanti. E' decisivo rendere più forti i servizi di prossimità e per la sicurezza urbana". 

Il comitato

La notizia è stata commentata anche dal Comitato per le Progressioni Verticali di Roma Capitale: "All'interno del Comune ci sono molti funzionari, appartenenti alle diverse categorie professionali, risultati idonei al concorso pubblico interno bandito dal Comune nel 2009 che ora rischiano di non vedere riconosciuti i propri diritti e la meritocrazia" si legge in una nota. "L'immissione nei ruoli da Funzionari (categoria D) degli idonei all'ultimo concorso interno è una grande opportunità per l'amministrazione capitolina". Spiega la nota: "A quel concorso nel 2010 parteciparono più di 2.000 dipendenti di Roma Capitale in possesso dei requisiti richiesti, i quali avrebbero dovuto garantire il rimpiazzo dei posti vacanti resisi disponibili dal turn-over. Consentire gli scorrimenti delle graduatorie significherebbe dare un segnale alla collettività di un'azione amministrativa improntata a criteri di economicità, efficienza, imparzialità, trasparenza e equità". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concorsone, assunti tutti i vincitori. Raggi: "Grande risultato"

RomaToday è in caricamento