menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Concorsone del Comune a rischio annullamento, lunedì incontro tra Nieri e i sindacati

Lo rende noto il segretario generale di Fp Cgil Natale di Cola. Intanto il vicesindaco specifica: "Tutto è partito dall'inchiesta sulle assunzioni dei vigili"

Trasparenza da un lato, rispetto dei diritti di quanti potrebbero essere assunti dal Comune dall'altro. E' questa la posizione della Fp Cgil di Roma che lunedì incontrerà il vicesindaco Luigi Nieri sulla questione del possibile annullamento del maxi-concorso comunale. A riferire del tavolo sindacale in programma il segretario generale della Fp Cgil Natale di Cola: "Il vicesindaco Nieri ci ha convocato per un' informativa su quanto accaduto e per le conseguenze. Questo per noi è un fulmine a ciel sereno" ha affermato.

Solo pochi giorni fa infatti, la notte tra il 12 e il 13 novembre, i sindacati avevano firmato un accordo proprio sul piano assunzionale del Comune, accordo che includeva anche le prime assunzioni dei vincitori di concorsi. "Lunedì al tavolo chiederemo all'amministrazione tutti i dettagli di questa complicata vicenda e decideremo il da farsi. Perchè se da un lato è giusto e indispensabile che le procedure avvengano nella massima trasparenza e legalità, dall'altro questa vicenda rischia di compromettere la possibilità per tante persone di essere assunte"

Intanto il vicesindaco Nieri, con delega al Personale, ha spiegato come è nata la vicenda: "Dovevamo riavviare il concorso per l'assunzione dei vigili, il più delicato, che era stato sospeso e sui cui grava un'inchiesta della magistratura. Per far questo dovevamo nominare una nuova commissione e nell'occasione abbiamo disposto una verifica a campione su tutte le procedure concorsuali. Da questa prima verifica è emerso un dato che abbiamo considerato molto grave: potrebbe non essere stato garantito il principio dell'anonimato dei concorrenti".

Continua Nieri: "Noi facciamo questa operazione di trasparenza soprattutto per chi ha partecipato ai concorsi, per tutelare le tante persone che hanno speso soldi e tempo, che si sono sacrificate a studiare e che hanno diritto di essere valutate correttamente. Ci troviamo di fronte ad un concorso a cui hanno fatto domanda 300.000 persone e a cui se ne sono presentate 30.000. Di queste, 20.000 hanno superato la fase pre-selettiva. Se fossero confermate le irregolarità, e si saprà entro lunedì, sarebbero proprio loro le vittime" ha spiegato confermando che, qualora verranno confermate le irregolarità, gli incartamenti verranno portati alla magistratura.

Sulla questione è intervenuto anche il sindacato di base Usb: "Le notizie sul maxiconcorso ci hanno colto di sorpresa, è stato un fulmine a ciel sereno. Anche perchè pochi giorni fa era stato sottoscritto un accordo per le assunzioni nel Comune di Roma, attingendo proprio dalle graduatorie di questi concorsi. Accordo da noi non sottoscritto ma che comunque c'è stato" afferma Roberto Betti, del Pubblico impiego Usb. "Ovviamente se ci sono problemi di natura legale noi siamo per l'assoluto rispetto della legalità se invece questa operazione serve a mascherare le rigidità assunzionali ovviamente l'amministrazione ci troverà contro. Chiediamo chiarezza e chiediamo assunzioni. Ci sono ottomila vuoti di organico al Comune di Roma. Oltre a questi 8.000 vuoti di organico, sottolineo che dal 2012 la spesa per il personale di Roma Capitale è diminuita di 56 milioni di euro».

Tutto è iniziato con il concorso per l'assunzione di 300 vigili urbani. L'allora sindaco Alemanno aveva revocato la commissione giudicatrice dell' esame per i vigili a causa di irregolarità. Secondo quanto emerso, i membri della commissione infatti avrebbero firmato il verbale di una riunione fantasma alla quale non avrebbero preso parte. Alemanno, scoperto il caso vigili, fece predisporre gli atti necessari alla revoca della Commissione esaminatrice anche perchè nel frattempo era stato aperto un fascicolo in Procura nel quale si ipotizzava il reato di falso ideologico. La Commissione era composta dall'ex comandante dei vigili urbani Angelo Giuliani, presidente, e dai membri Donatella Scafati e Maurizio Sozi; e dalle segretarie di Commissione, Gloria Conte e Alessandra Ascione. Alle prove preselettive per il concorso dei vigili urbani nel 2012 si presentarono in 16.000. Di questi poco più di tremila vennero selezionati come idonei per partecipare alla prova scritta, svolta il 21 dicembre 2012 ed alla quale parteciparono in 2671.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento