rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Politica

Primo Maggio: sindacati “Già paghiamo. Sindaco elimini consulenti”

Secche le risposte di Cgil, Cisl e Uil alle polemiche sollevate da Alemanno e la sua amministrazione intorno al concerto del primo maggio e ai suoi costi

Non vanno per il sottile i sindacati mentre rispondono alle polemiche che si sono sollevate contro di loro in merito al concerto del primo maggio e, in particolare, all'accusa di non pagare le spese del concerto.

UIL – Luigi Scardaone, segretario generale della Uil Lazio risponde: “Alemanno iniziasse a cacciar via tutti i consulenti se vuole ripianare il bilancio comunale e si guardasse alle spalle dai cattivi consiglieri che lo circondano perché gli stanno tagliando l'erba sotto i piedi. E questo del concerto del primo maggio è l'ennesimo errore politico che gli fanno commettere. Noi non mettiamo un euro perché il sindacato sta offrendo in maniera gratuita alla città e al Paese un grande evento gratuito - prosegue Scardaone - Dato che Alemanno è così sensibile ai sondaggi e così vicino ai commercianti, chiedesse loro se sono d'accordo al fatto che il concerto del Primo Maggio si svolga in altre città italiane".

Presentazione concerto primo maggio 2012


CGIL - “Il concerto del primo maggio non è a pagamento, è un evento nazionale che si svolge a Roma e di cui la Capitale deve essere orgogliosa. Un evento che trasmette attraverso la musica i grandi valori della carta costituzionale come l'articolo 1 che dice: l'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro". Lo afferma il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio Claudio Di Berardino. "Tenuto conto che con cadenza annuale Alemanno ripropone la questione del pagamento da parte dei sindacati, siamo portati a pensare che si voglia deviare l'attenzione dai temi della crisi e del lavoro", conclude Di Berardino.

CISL – Richiesta di chiarezza da parte del sgretario generale della Cisl di Roma Mario Bertone: “Noi vorremmo capire cosa significa l'affermazione che i sindacati devono pagare per il concerto del 1 maggio. I sindacati già pagano tutto ciò che è dovuto all'amministrazione di Roma Capitale in termini di tasse e tariffe. Ci pare che questa polemica sia stata innestata dal solito ritornello di Alemanno che addita sempre i sindacati come responsabili dei disagi della città - prosegue -. Tanta solerzia non la vediamo in tanti casi, ben più seri di un corteo autorizzato o di una manifestazione, organizzata dai sindacati confederai, per i diritti dei lavoratori".
 

Concerto Primo Maggio 2012: polemiche sui sindacati

PRIMO MAGGIO 2012: TUTTI I CANTANTI

A ROMA IN PULLMAN CON 'EVENTI IN BUS'

PRIMO MAGGIO 2012: COSA PREVEDE IL METEO

CONTROLLI SUL PALCO: TROVATE IRREGOLARITA'

 

PRIMO MAGGIO 2011

PRIMO MAGGIO 2011: I VOTI AI CANTANTI



Potrebbe interessarti: https://www.romatoday.it/politica/primo-maggio-2012-sindacati-polemiche.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primo Maggio: sindacati “Già paghiamo. Sindaco elimini consulenti”

RomaToday è in caricamento