A24: "Pedaggio anche sulle nuove complanari". Nanni: "Ingiusto, la battaglia continua"

Lunghezza, Settecamini e Ponte di Nona: stesse tariffe anche sulle complanari. Lo ha chiarito Strada dei Parchi durante la Commissione Lavori Pubblici: "Stabilito da un contratto con il Ministero"

Una gabella discutibile, su questo il giudizio è unanime. Peccato che sia stata decisa da anni, dall'era Veltroni quando, prevedendo l'esplosione edilizia del quadrante est, si pose il nodo traffico. Complanari dell'A24, pedaggio sì, pedaggio no e per chi. Se ne parla da mesi. Oggi il responso di Strada dei Parchi, ditta che ha in carico i lavori, durante la seduta della Commissione Lavori Pubblici convocata dal presidente Dario Nanni: chi ha sempre pagato l'entrata sulla Roma L'Aquila per raggiungere il centro cittadino continuerà a farlo. 

Non cambierà niente per i pendolari di Lunghezza, Settecamini e Ponte di Nona che tutti i giorni, per andare a lavoro, devono passare senza alternativa dalla barriera di Roma est, pagando tariffe forfettarie che si aggirano intorno a 1,20 euro a seconda dell'uscita. Nessun pedaggio invece per chi accede dalle uscite interne del Raccordo, come annunciato e poi smentito a ottobre da Strada dei Parchi. Resta esattamente tutto come prima. Questo è il problema. 

Una tassa considerata "ingiusta" dai cittadini del quadrante, rappresentati oggi dai comitati di quartiere seduti al tavolo. Due le ragioni. Il sistema di calcolo forfettario e non chilometrico che non tiene conto del reale percorso effettuato, e quella che per gli utenti è la vera incongruenza: si è deciso di costruire una valida alternativa all'autostrada, continuando a considerarla tale. Strade nuove per alleggerire il traffico sì, ma non le tasche dei romani, che rivendicano il diritto a muoversi gratuitamente nel perimetro cittadino. 

"E' stata costruita un'opera che tanti di noi non potranno utilizzare, ci costa 500 euro l'anno, ma il nostro cap è 00132, siamo romani, di Roma, e chiediamo il diritto di arrivare in centro senza pagare niente. Per quale motivo chi entra dal Raccordo non paga?". Per i presenti la sperequazione è evidente. E se c'è chi propone semplicemente di non pagare affatto, c'è anche chi, conscio che manutenzione e gestione dell'opera hanno un costo, parla di ripartizione su tutto il tronchetto, fino al Verano, o addirittura di escludere gli utenti delle complanari. Paga le arterie chi percorre l'autostrada. Insomma, o tutti o nessuno.  

D'altra parte, Strada dei Parchi ha poco da comunicare, pur riconoscendo la legittimità delle lamentele. "Si può fare tutto, ma non siamo noi a decidere. L'istituzione del pedaggio per i tre caselli di Lunghezza, Settecamini e Ponte di Nona, necessario alla ditta per prendere in carico la gestione e manutenzione del tratto urbano autostradale, è stato stabilito fin dall'inizio da un accordo con il concedente, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti". Insomma, il Comune ha sbagliato interlocutore. 

Certo, l'atto di cui sopra non è sul tavolo, e i presenti pretendono di vederlo con i loro occhi. Fermo restando il parere dell'avvocatura comunale, reso noto in più occasioni dallo stesso consigliere Nanni: i contraenti dell'opera, tra cui Comune e Regione Lazio, sono obbligati dall'art.2 della deliberazione del 2007 a concertare le modalità della messa in esercizio delle complanari. Detto altrimenti a sedersi a un tavolo a decidere anche del pedaggio. Strada dei Parchi però non è compresa, e infatti nell'atto non c'è la firma. Non resta che rivolgersi al Ministero. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non molleremo adesso - conclude la seduta il presidente Nanni. Per quanto mi riguarda continuo a pensare che pagare sulle complanari sia ingiusto. Dovevano essere un ristoro per l'intero quadrante, parliamo di un'opera pubblica dai costi ingenti, credo che i cittadini abbiamo già pagato, e che non debbano continuare a farlo specie se è l'unica via che hanno per entrare a Roma e se i chilometri che percorrono sono così pochi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento