Martedì, 3 Agosto 2021
Politica

Esuberi e cassa integrazione, il comparto aereo non decolla: “40mila lavoratori attendono risposte”

Sit in dei lavoratori di Alitalia, delle società di handling e stagionali a Fiumicino. I sindacati chiedono risposte e certezze sul futuro: “La crisi sta azzerando un intero comparto”

“La crisi sta azzerando un intero comparto”. E’ il grido d’allarme dei sindacati che ieri, in occasione della protesta indetta unitariamente a livello nazionale, hanno organizzato il presidio dei lavoratori del settore del trasporto aereo al Terminal 3 di Fiumicino.

La pandemia lascia voli a terra e aeroporti deserti

La pandemia ha lasciato voli a terra e aeroporti deserti, la ripresa sembra ancora lontana. Nel mezzo compagnie aeree in crisi: da Alitalia a AirItaly, fino a Norwegian. Soffrono le crew, i lavoratori di terra, i dipendenti delle società di handling e gli stagionali rimasti fuori da banchi del check in e servizi in appalto ormai da due anni: troppo anche per contare su bonus, sussidi e indennità di disoccupazione. 

Trasporto aereo, a Roma e nel Lazio "40mila lavoratori attendono risposte"

“Servono interventi urgenti sul trasporto aereo” - il monito lanciato dal segretario generale della Fit-Cisl del Lazio, Marino Masucci, e dalla segretaria regionale responsabile del Trasporto aereo, Stefania Fabbri. “L'attuale silenzio delle istituzioni è inaccettabile e incomprensibile, non si può restare indifferenti a una crisi che sta azzerando un intero comparto, a beneficio dei vettori stranieri low cost, che rafforzano la presenza sugli aeroporti italiani. La voce di decine di migliaia di lavoratori e famiglie sul territorio, circa quarantamila contando l'indotto, e la maggior parte delle quali in cassa integrazione, deve essere ascoltata”. Le richieste dei sindacati sono chiare: un futuro per Alitalia, Air Italy e tutti i restanti vettori, per i lavoratori di Emirates e per pressoché tutti i settori, dall handling alle pulizie di bordo, al catering. 

La crisi profonda del trasporto aereo: da Alitalia a Air Italy a rischio 40mila lavoratori a Roma

Tavolo di crisi per il comparto aereo: "Salvaguardiamo posti di lavoro"

"Il settore del Trasporto Aereo riveste una funzione strategica per la ripartenza del nostro Paese ed il Decreto Rilancio, della primavera del 2020, rappresenta per noi lo strumento adeguato da applicare, sia per le risorse economiche dedicate che per gli strumenti normativi pensati ad hoc per il settore" - scrivono a margine del sit-in a Fiumicino il senatore e segretario del Pd Lazio, Bruno Astorre, e il responsabile della mobilità del Pd Lazio, Rocco Lamparelli. "Per noi è importante l'apertura permanente del Tavolo di crisi del Settore e che si dia vita alla Cabina di Regia invocata anche dalle OO.SS., per permettere a tutti gli attori competenti di confrontarsi e proporre soluzioni sinergiche per la risoluzione delle crisi aziendali esistenti. La riforma del Settore del Trasporto Aereo - scrivono i dem - è un passaggio necessario, che deve anche tener conto e valorizzare le diverse eccellenze professionali presenti. L'impegno che dobbiamo prenderci è quello di essere sempre al fianco dei Lavoratori per la salvaguardia dei livelli occupazionali"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esuberi e cassa integrazione, il comparto aereo non decolla: “40mila lavoratori attendono risposte”

RomaToday è in caricamento