rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Politica Via delle Case Rosse

Basf a Case Rosse, Nanni: "Chiesta Commissione Ambiente su inceneritore"

Dopo le proteste dei comitati e dei cittadini del IV Municipio il consigliere capitolino Pd chiede il parere dell'Iss, della Asl e dell'Arpa Lazio

Un aumento del 254 per cento dei rifiuti da bruciare dall'inceneritore della Basf a Case Rosse. Questo ha portato i comitati ed i cittadini di zona a fare ricorso al Tar e a proclamare una manifestazione per oggi 9 marzo. Nodo del contendere le autorizzazioni concesse dalla Provincia di Roma. Una situazione che non convince il consigliere Pd in Campidoglio Dario Nanni: "Le autorizzazioni concesse dalla Provincia di Roma all'inceneritore di rifiuti tossici e nocivi della Basf Italia SrL aumentano da 240 a 850 tonnellate l' anno il volume di rifiuti pericolosi bruciati nell' inceneritore".

COMMISSIONE AMBIENTE - Alla luce di questo Dario Nanni prosegue: "L' impatto sulla salute dei 30.000 romani che vivono nella zona di Settecamini e Case Rosse - si legge nella nota stampa del consigliere Pd - intorno all' inceneritore potrebbe essere a rischio. E' per questo motivo che ho chiesto la convocazione urgente della commissione ambiente alla cui seduta ho chiesto la partecipazione dell'assessore Marino, della Provincia di Roma e degli uffici competenti: dell'Iss, della Asl e dell' Arpa Lazio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basf a Case Rosse, Nanni: "Chiesta Commissione Ambiente su inceneritore"

RomaToday è in caricamento