Città della Scienza, la delibera si blocca in Aula: il Pd chiede di rimandare la discussione

Il 'simbolo' della rigenerazione urbanistica della città targata Marino subisce una battuta d'arresto. Ai democratici capitolini la variante urbanistica non convince

Battuta d'arresto per il progetto 'simbolo' della rigenerazione urbana targata Marino: la Città della Scienza che dovrebbe sorgere là dove oggi ci sono gli immobili ormai abbandonati dell'ex caserma di via Guido Reni. La discussione in Consiglio comunale della delibera di variante che avrebbe dovuto dare il via alla trasformazione urbana, affidata a Cassa depositi e prestiti Investimenti sgr, è stata 'rimandata' su richiesta del Pd capitolino. Le motivazioni sono state spiegate in una lettera del capogruppo democratico in Aula Giulio Cesare, Francesco D'Ausilio, e dal presidente della commissione Urbanistica, Antonio Stampete, inviata al primo cittadino Ignazio Marino.

I DUBBI - Non convince il mezzo, la variante urbanistica al Piano regolatore, considerata una procedura 'pesante' e lenta, con troppi passaggi procedurali che non fornisce un quadro preciso del progetto. Per i consiglieri democratici sarebbe meglio adottare un Print, un Piano integrato, o una delibera di indirizzo con un accordo di programma che permetterebbero tempi più stretti e una programmazione più precisa soprattutto per quanto riguarda l'utilità pubblica dell'intervento. La decisione di 'accantonare' la delibera è arrivata ieri al termine di un incontro tra D'Ausilio, Stampete e il sindaco a cui ha partecipato anche il minisindaco del II municipio Giuseppe Gerace.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA COMMISSIONE - I dubbi del Partito democratico sul mega progetto che si estenderà su 51 mila metri quadrati di superficie di cui 27 mila dovrebbero essere destinati a al museo della Scienza non si sono abbattuti come un fulmine a ciel sereno sulla discussione in merito del progetto. Nel corso della commissione Urbanistica che ha dato via libera al progetto infatti proprio il presidente Stampete aveva espresso forti dubbi in merito alla delibera, in particolare sulla sostenibilità economica della parte pubblica del progetto: “Manca il piano finanziario”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento