"Censimento e sgomberi tempestivi": stretta del Viminale contro le occupazioni

Il documento indica le priorità: "Rinviare alla fase successiva ogni valutazione in merito alla tutela". La reazione di Unione Inquilini: "È aberrante"

Foto d'archivio

Reca la firma di Matteo Piantedosi, capo di gabinetto del ministro Matteo Salvini, una circolare del Viminale indirizzata ai prefetti della Repubblica che potrebbe dare il là, specie su Roma, ad un autunno caldissimo. Il tema affrontato è quello delle "occupazioni arbitrarie di immobili", una delle "principali problematiche che affliggono i grandi centri urbani del Paese", si legge nel documento.

Si premette che "nonostante gli sforzi profusi"  non sono stati compiuti "significativi passi in avanti" se non "rispetto alle misure di natura preventiva, rivolte ad evitre nuove occupazioni".

Ma contro quelle già in atto, da più o meno tempo, bisogna, secondo il Ministero, "migliorare l'efficacia dell'azione di contrasto". Le soluzioni trovate, che nella circolare si tramutano in "indicazioni", riguardano il censimento  degli occupanti e la massima tempestività degli sgomberi. Una circolare che nei suoi passaggi sembra cancellare il documento dell'ex ministro Marco Minniti il quale, a seguito dei fatti di Piazza Indipendenza, prescriveva la necessità di trovare una soluzione alternativa prima. Ora invece, nelle pieghe del documento, si riscrivono piuttosto chiaramente le priorità. Ma andiamo con ordine.

sitrattadicon-2

Censimento e sgomberi tempestivi

Il censimento "dovrà essere finalizzato alla possibile identificazione degli occupanti e della composizione dei nuclei familiari, con particolare riguardo alla presenza all'interno degli stessi di minori o altre persone in condizioni di fragilità, oltre alla verifica della situazione reddituale e della condizione di regolarità di accesso e permanenza sul territorio nazionale".

Si aggiunge che "non possono essere sottovalutate le difficoltà che gli operatori sociali potranno incontrare nell'esecuzione dei suddetti accertamenti. Pur tuttavia tali operazioni devono essere condotte con la massima rapidità, sfruttando, ove possibile, le risultanze dei registri anagrafe, o anche dei dati in possesso di altre pubbliche amministrazioni, nonché degli stessi Servizi sociali per quegli occupanti che già beneficiano di eventuali prestazioni assistenziali".

Dopo aver condotto questo censimento, si specifica che "soltanto qualora si abbia fondato motivo di ritenere che i soggetti in situazione di fragilità interessati dall'esecuzione dello sgombero sarebbero privi della possibilità di soddisfare, autonomamente o attraverso il sostegno dei loro parenti, le prioritarie esigenze conseguenti alla loro condizione, i Servizi sociali dei comuni dovranno attivare gli specifici interventi". Inoltre questi ultimi sono ritenuti "non negoziabili".

"Per tutti gli altri occupanti - si legge - potrà essere ritenuta sufficiente l'assunzione di forme più generali di assistenza, da rendersi nell'immediatezza dell'evento".

Priorità al diritto di proprietà, quindi. Solo dopo, "nella fase successiva allo sgombero, sarà cura degli enti preposti compiere valutazioni più approfondite ed individuare le soluzioni che possano permettere via via di sostenere i percorsi di inclusione sociale".

Si richiama quindi ad "attendere agli sgomberi con la dovuta tempestività, rinviando alla fase successiva ogni valutazione in merito alla tutela delle altre istanze".

La circolare termina con l'invito a "fare tenere, entro la fine del mese di settembre, un primo punto di situazione sullo stato del fenomeno nelle rispettive province con l'indicazione delle iniziative avviate".

La situazione a Roma

La lista degli immobili, circa 90 in tutta Roma, è da mesi sul tavolo del Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza che nell’ultimo anno si è periodicamente riunito in Prefettura. Il Campidoglio ha già stilato un minielenco degli immobili da cui partire dove insieme ad occupazioni storiche come via Carlo Felice 69 a San Giovanni o le scuole occupate di via Cardinal Capranica 37 a Primavalle e via dell'Impruneta 51 a Magliana, viene infilata anche via Tiburtina 1040 a San Basilio, meglio conosciuta come l'Ex fabbrica della penicillina. A Palazzo Senatorio ci lavorano da mesi. Per sbloccare il piano, però, si attendono le nuove direttive del Viminale. 

Unione Inquilini: "Cerino lasciato in mano a comuni e regioni"

Massimo Pasquini, segretario nazionale di "Unione Inquilini", ha contestato la circolare del Viminale: "È di ieri la notizia della pubbblicazione sul sito del Ministero dell'interno di una nuova circolare che intende accelerare gli sgomberi di immobili occupati disponendo che solo successivamente allo sgombero comuni e regioni trovino soluzioni di assistenza per le famiglie in disagio economico e sociale quindi fragili. Questa circolare socialmente aberrante, lo dico chiaramente è una polpetta avvelenata per comuni e regioni. L'onere dei censimenti delle famiglie è a carico dei comuni, l'onere di dare assistenza alle famiglie è  interamente a carico dei comuni. La circolare non prevede alcuna forma di sostegno ai comuni né in materia di risorse che di mezzi. Il ministero dell'interno non pago dei 140 sfratti al giorno che si eseguono in Italia con la forza pubblica ora dispone sgomberi per decine di migliaia di famiglie occupanti immobili in disuso che rimarranno dopo conunque in disuso. La circolare parla genericamente di famiglie fragili non indicando una definizione di tali famiglie. In questo modo conuni e regioni saranno costrette a definire cosa è  la fragilità con il risultato di avere centinaia di definizioni diverse. Se comuni e regioni non voglono restare stritolati e con il cerino in mano devono rispondere a questa circolare con politiche abitative pubbliche che aumentino l'offerta di alloggi a canone sociale o saranno travolti da una gravissima tensione sociale. A tale riguardo chiediamo che sia convocata urgentemente una riunione che veda la partecipazione dell'Anci, della Conferenza delle Regioni, dei sindacati inquilini al fine di verificare le modalità di attuazione di politiche abitative capaci di affrontare non solo le criticità derivanti dall'attuazione della circolare ma anche degli sfrattati e delle famiglie nelle graduatorie. Da questa situazione non si esce con l'ordine pubblico ma con politiche abitative strutturali. Chiedo infine a Anci e Conferenza delle Regioni di chiedere formalmente una sospensiva della circolare del ministero dell'interno".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Quando si possono riaccendere i termosifoni? Ecco date e orari

Torna su
RomaToday è in caricamento