Grillo accende il Circo Massimo, ma l'affluenza non è quella dei V Day

Ieri il via alla kermesse Italia Cinque Stelle. Il leader del palco ne ha per tutti. Ad ascoltarlo molti attivisti provenienti da tutta Italia. La folla però è inferiore alle attese

In alto foto del catino di fronte a Grillo. In basso la foto postata da Grillo sulla sua pagina facebook. La prima foto è stata inserita in risposta a Beppe Grillo da Maddalena Balacco

C'era una volta le folle oceanica del V Day, quelle che hanno compattato il Movimento e l'hanno trasformato nella seconda forza politica del Paese. C'erano i V Day, raduni evento serviti a lanciare in orbita le Cinque Stelle di un Movimento destinato, comunque la si pensi, a restare nella storia. Al posto del V Day oggi c'è Italia a Cinque Stelle, la kermesse iniziata ieri al Circo Massimo e che vuole celebrare i 5 anni del M5S. Tanta la strada fatta raccontata meglio di qualsiasi parola dai numeri:  circa 135.000 iscritti, più di 1.500 eletti nelle istituzioni, 1.365 consiglieri comunali e consiglieri regionali, 153 portavoce, 17 europarlamentari. Il tutto in soli 5 anni e senza forze economiche alle spalle.

Ieri a inaugurare la kermesse ci ha pensato Grillo che tanto si è speso per questo evento. Del V Day rimane solo il ricordo. Già perché il catino davanti al sua palco è piccolo e seppur pieno non può far certo parlare di grande folla. Le parole che Grillo lancia dal palco sono dure come da tradizione anche se l'obiettivo sembra essere soprattutto quello di tranquillizzare la base: "Non è  più tempo di dire o noi o loro. Noi siamo l'ultimo baluardo della democrazia e quindi "o noi o noi...".

"Noi non abbiamo un problema di leadership, siete voi" - dice rivolgendosi ai giornalisti - "che continuate a vedere il Movimento come se fosse un partito. Ma il nostro è un partito orizzontale. Faccio da garante, vedo chi entra, faccio rispettare le regole. Io tengo il controllo della situazione perchè non entrino persone che possono disintegrare il Movimento dal basso".

Il m5s secondo Grillo poteva governare "se solo avessimo avuto un altro presidente". Napolitano resta il bersaglio del leader M5s, lo tira in ballo per l'inchiesta Stato mafia e ironizza: "dopo il 41 bis Riina e Bagarella non potevano sopportare anche la sua testimonianza". Scende di nuovo in campo in difesa dell' art. 18 che "è un pensiero per il quale i nostri padri hanno combattuto". Il Jobs Act - attacca - licenzia i lavoratori: "Significa abbassare stipendi: licenzi uno e ne assumi tre con uno stipendio più basso".

Oggi la giornata più politica con gli interventi dei vari attivisti e portavoce provenienti da tutti Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

fotogrillocircomassimo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

  • Coronavirus, a Roma 135 nuovi casi: sono 195 in totale nel Lazio. I dati Asl del 23 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento