Politica

Cinema America, Guerrini(M5s): "Cosa c'è di culturale nel proiettare film vecchi? E' feticismo"

La consigliera, abitante in piazza San Cosimato, torna a demolire la rassegna cinematografica

A sinistra Gemma Guerrini

Una manifestazione "funzionale alla propaganda del Pd". Altro che cultura, per la consigliera grillina Gemma Guerrini la rassegna dei ragazzi del cinema America, "non è altro che feticismo". Un affondo pesante, riportato sulla sua pagina Facebook. Il dito è puntato contro il gruppo di giovani che ha animato piazza San Cosimato a Trastevere (quartiere di residenza della consigliera) con la proiezione di film fino all'anno scorso. Dalla prossima estate si sposteranno in periferia, in polemica con la scelta dell'amministrazione M5s di affidare lo spazio tramite un bando. Una storia di attacchi e botta e risposta tra i ragazzi guidati da Valerio Carocci, sostenuti dall'opposizione Pd, e il vicesindaco, con delega alla Cultura, Luca Bergamo.

"Personalmente non so rispondere alla domanda di cosa ci sia di così altamente culturale nella riedizione di vecchi film - scrive Guerrini nel lungo sfogo affidato ai social - all'interno di un contesto storico e sociale con una sua storia, una sua identità, un suo vivace vissuto, che solo chi ne è estraneo, e vuole rimanerne tale, può non conoscere nè vedere e anzi può soffocare vantando una civilizzazione di stampo colonialista". 

Non le manda a dire Guerrini, comunque scontenta per la messa a bando di uno spazio dove a suo dire non si dovrebbero fare eventi, per tutelare il sonno dei cittadini: "Cos'è infatti se non feticismo, la reiterata proiezione, giorno dopo giorno, di vecchi film che hanno in comune soltanto il fatto di essere famosi, con a seguire la presentazione degli altrettanto famosi produttori/registi/attori, magari accompagnati dal Franceschini o dallo Zingaretti di turno? Alla quantificazione numerica come misura del consenso, già noto a quegli imperatori romani che organizzavano gli spettacoli gladiatori al Colosseo, questo sistema di intellettualizzazione del divertimento ha poi appaiato spesso l'idea della sua gratuità: divertimento puro e purificato da ogni contaminazione pecuniaria. Purtroppo, come ben sappiamo, nulla è gratuito. Forse è arrivato il momento che i cittadini comincino a chiedersi se non sarebbe stato meglio se i bravi amministratori alla Zingaretti avessero guardato un pò meno film per occuparsi di più e meglio di sanità e di ambiente". 


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinema America, Guerrini(M5s): "Cosa c'è di culturale nel proiettare film vecchi? E' feticismo"

RomaToday è in caricamento