Politica

Roma e i suoi cimiteri non hanno posto per Gigi Proietti: le sue ceneri "appoggiate" in Umbria

Dopo la lunga attesa per la cremazione, l'urna custodita nel paese d'origine del padre Romano. La soluzione "temporanea". Ama e la famiglia Proietti: "Sepoltura seguita in stretto raccordo"

Investimenti scarsi, strutture inadeguate, personale a ranghi ridotti, ampliamenti e nuove costruzioni mai effettuate nonostante fossero state reputate necessarie già almeno quattro anni fa. Così i cimiteri di Roma sono andati in affanno: tanto in difficoltà da non consentire nemmeno la conservazione delle ceneri di Gigi Proietti, l’amato attore romano scomparso nel giorno del suo 80esimo compleanno. Era il 2 novembre 2020. 

Le ceneri di Gigi Proietti in Umbria

Lunga l’attesa per la cremazione dell’artista, tra i più amati in città. La sua salma finita, insieme a quelle di migliaia di altri romani, in fila. Era il pieno della crisi quando, a fronte pure del trend crescente di decessi, il sistema dei cimiteri romani è collassato: bare accumulate nei depositi e nei container noleggiati per avere ulteriore spazio, famiglie straziate dal lutto in attesa di dare degna sepoltura o esaudire la volontà di cremazione dei propri cari scomparsi. 

I cimiteri di Roma in affanno: per Proietti niente posto al Verano

Un calvario. Nei cimiteri di Roma, per i quali Ama vuole presentare un piano da 55 milioni di investimenti per colmare i deficit, non c’è posto. Così le ceneri di Gigi Proietti sono finite in Umbria, a Porchiano del Monte: il paese natale di Romano, il papà di Proietti. Lo riporta oggi Rory Cappelli sulle colonne de La Repubblica. L’attore riposa “temporaneamente” vicino ai suoi, al padre Romano e alla madre Giovanna. La famiglia è in attesa di poterlo riportare a Roma, probabilmente al Cimitero del Verano accanto ai grandi artisti: è nel cimitero monumentale che sono sepolti Vittorio Gassman e Vittorio De Sica, Alberto Sordi a Rino Gaetano, Edoardo De Filippo. Meta di pellegrinaggio non solo di parenti e amici, ma anche di centinaia di fan che portano fiori e omaggi ai loro beniamini.

Gigi Proietti oggi è a quasi cento chilometri dalla sua Roma: la città che più lo ha amato e che lui amava più di tutte. La sua arte lo ha reso eterno. Ma oggi a Roma, che nei suoi cimiteri non ha trovato posto per l’urna del grande attore, per omaggiare la memoria di Gigi Proietti e piangerlo restano solo i murales a lui dedicati. 

La replica di Ama

Ama replica, in tarda mattinata, parlando di "sepoltura seguita in stretto raccordo". "Le operazioni di sepoltura delle spoglie di Gigi Proietti sono seguite in stretto raccordo dalla Famiglia Proietti, AMA S.p.A. e Roma Capitale secondo le disposizioni della stessa famiglia del grande artista italiano. In particolare, AMA fin da subito si è messa in contatto con la famiglia di Gigi Proietti per assicurarne una degna sepoltura. Il Maestro è deceduto il 2 novembre, è stato cremato il 10 novembre e le ceneri sono state consegnate alla famiglia il giorno successivo. Già da novembre dello scorso anno, tecnici di AMA - Cimiteri Capitolini, insieme a un rappresentante di Roma Capitale, hanno effettuato una serie di sopralluoghi con i congiunti del grande artista romano in più aree del Cimitero Monumentale del Verano. La scorsa settimana, i familiari di Gigi Proietti hanno individuato e scelto la soluzione più idonea tra quelle visionate, comunicandola ad AMA e agli uffici preposti di Roma Capitale. La richiesta riguarda la concessione di un’area per cappella da edificare, collocata nella parte nuova del cimitero Verano, vicino al Sacrario Militare".

“Perdonali Gigi”, esordisce con queste parole il messaggio che l’Amministratore Unico di AMA S.p.A., Stefano Zaghis, ha pubblicato sul proprio account twitter per stigmatizzare la fake news apparsa questa mattina su un noto quotidiano romano.

“Sono profondamente rammaricato e stupito – aggiunge in una nota Zaghis –. Leggere certe notizie, assolutamente non vere e non verificate né con AMA né tantomeno con Roma Capitale, fa veramente male e non è accettabile. Fin da subito, in stretto contatto con i congiunti e in raccordo con il Gabinetto della Sindaca, ho seguito personalmente e con lo staff dei Cimiteri Capitolini i sopralluoghi per poter dare degna sepoltura a Roma al grande artista italiano. Roma non può fare a meno di Gigi Proietti. Sono felice, per questo, che la famiglia abbia optato qualche giorno fa per la sepoltura al Cimitero Monumentale del Verano, dove il grande attore riposerà accanto ad altri illustri protagonisti dell’identità culturale romana come Giuseppe Gioachino Belli e nazionale come Goffredo Mameli”.  

Le reazioni

L'esclusiva di Repubblica ha scatenato la polemica politica. Carlo Calenda, candidato sindaco di Roma: "È uno sconcio, si intitolano teatri e luoghi ma poi non si riesce a seppellire Gigi Proietti. In un Paese normale un sindaco si dimetterebbe", ha detto intervenendo a RaiNews24. "Un sindaco del Comune proprietario di Ama che gestisce i cimiteri con questo disastro viene fatto dimettere a furor di popolo- ha ribadito Calenda- La gestione dei trasporti è la peggiore d'Europa, quella dei rifiuti è la peggiore d'Europa, ma se non riesci a seppellire i morti te ne vai".

Il vicesegretario del Pd Lazio, Enzo Foschi, in un comunicato: "Virginia Raggi si vergogni, si dovrebbe dimettere già solo per questo. Un insulto alla famiglia, un insulto alla città, un insulto alle tante persone che hanno sofferto in questo periodo e non riescono neanche a seppellire i propri cari. L'ennesimo esempio di una pessima amministrazione che Roma non merita più. Che schifo". 

E la notizia della mancata sepoltura di Gigi Proietti spinge il giornalista  Pierluigi Battista a rivolgersi alla sindaca di Roma: "Gentile sindaca Raggi, a due mesi dalla morte di mia madre l'urna con le sue ceneri giace in un deposito stracolmo senza possibilità di ritirarla o di darle sepoltura. Tra un comizio e una strada che sprofonda avrebbe la gentilezza di provvedere?". 

Articolo aggiornato alle 12.49 - Inserita la denuncia di Pierluigi Battista

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma e i suoi cimiteri non hanno posto per Gigi Proietti: le sue ceneri "appoggiate" in Umbria

RomaToday è in caricamento