menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
cimiteri

cimiteri

Cimiteri capitolini, Raggi fa mea culpa e convoca Ama: “Snellito iter per le cremazioni”

Dopo le proteste di agenzie funebri e familiari dei defunti la municipalizzata corre ai ripari, per le cremazioni unico passaggio: "Così alleggeriamo giacenza in camera mortuaria e abbreviamo tempi"

“Ingiustificabile” - così la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha definito la situazione dei cimiteri capitolini. Pratiche a rilento, depositi pieni, cremazioni e tumulazioni ferme. Agenzie funebri sul piede di guerra, familiari dei defunti costretti a sopportare un dolore accentuato dall’impossibilità di dare degna sepoltura ai propri cari o esaudirne la volontà della cremazione. 

Cimiteri capitolini, il deputato Pd: "Due mesi e non riesco a seppellire mio figlio"

Ieri il tweet del deputato Pd, Andrea Romano, ha colpito l’intera città: “Oggi sono 2 mesi che mio figlio Dario non è più con la sua mamma, con i suoi fratelli, con me. 2 mesi che non riusciamo a seppellirlo: Ama non dà tempi di sepoltura degni di una città civile. Anzi, non dà alcun tempo. La tua vergogna non sarà mai abbastanza grande” - ha scritto rivolgendosi alla Sindaca. 
 
La prima cittadina ha immediatamente convocato Ama. “Ciò che è accaduto alla famiglia di Andrea Romano e ad altre famiglie è ingiustificabile. Sono vicina a tutti loro. Posso solo immaginare lo strazio e il terribile dolore che stanno vivendo. Ho convocato Ama che mi ha assicurato di stare lavorando ad una soluzione per dare risposte ai cittadini in questo momento di emergenza coronavirus”. 

Cimiteri capitolini: Ama snellisce iter per cremazioni

Si inizierà dal già promesso snellimento delle pratiche amministrative propedeutiche alla cremazione in impianti di altri territori: da lunedì prossimo saranno gestite e autorizzate direttamente dal Dipartimento Servizi Delegati capitolino, con un unico passaggio. 
 
“In questo modo, gli utenti potranno presentare tutta la documentazione richiesta presso gli sportelli dello stesso Dipartimento, abbreviando notevolmente i tempi di attesa per questa tipologia di operazione per la quale già da dicembre, Roma Capitale ha provveduto alla sospensione, fino a cessate esigenze, della tassa prevista. La misura permetterà, contemporaneamente, di alleggerire la giacenza in camera mortuaria e di abbreviare i tempi anche per le cremazioni da svolgere nel crematorio di Prima Porta” - ha fatto sapere Ama in una nota.

Ama: "Trend mortalità in crescità, +5000 decessi rispetto all'anno scorso"

La municipalizzata corre dunque ai ripari e , “in considerazione del trend in crescita della mortalità (5.000 decessi in più da ottobre 2020 ad oggi rispetto ai mesi analoghi del biennio precedente)”, ha potenziando le strutture di deposito temporaneo e ha dato” assoluta priorità alle prime sepolture e alle operazioni cimiteriali indifferibili”. 
 
“AMA rinnova la propria vicinanza a tutte le famiglie che hanno avuto un lutto in questo periodo eccezionale, assicurando il massimo impegno e sforzo per attenuare gli effetti anche indiretti della pandemia”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento