rotate-mobile
Politica Infernetto

Infernetto, il Comune chiude un secondo residence: "Risparmio da 350 mila euro"

Si tratta di un Centro per l'assistenza alloggiativa temporanea che ospitava 9 famiglie. Ad annunciarlo l'assessora Danese: "Chiusura concordata con i residenti"

Continua il programma di chiusura dei Centri di assistenza abitativa temporanea comunali, i cosiddetti residence. L'ultimo è il 'Casa Maria' all'Infernetto che ospitava 9 famiglie in dieci alloggi. L'annuncio è stato dato da Francesca Danese, assessora alle Politiche sociali e abitative: "E' il secondo nelle poche settimane dal mio insediamento. Dopo quello di Pietralata, che costava quasi un milione e ottocentomila euro alla collettività, stavolta il risparmio si aggira intorno ai 350 mila euro l’anno".

Continua Danese: "Con tutte sono state concordate le modalità di fuoriuscita e ricollocazione in altre situazioni di assistenza alloggiativa cercando di conciliare le esigenze di quei nuclei familiari". Dall'assessorato infine comunicato che "sono già stati effettuati i sopralluoghi per una terza operazione di chiusura di un’altra struttura. Prosegue così  la razionalizzazione dei Caat, l’operazione di trasparenze e contenimento dei costi, siamo oltre i due milioni di risparmio, in attesa del nuovo servizio di assistenza alloggiativa previsto dal Piano di Sostegno triennale votato a dicembre in Giunta".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infernetto, il Comune chiude un secondo residence: "Risparmio da 350 mila euro"

RomaToday è in caricamento