Centri antiviolenza comunali, a novembre più 24 per cento di ingressi rispetto a un anno fa

Nel mese di novembre 2020 si sono registrati 72 nuovi ingressi, con un aumento del 24 per cento rispetto a quelli del novembre 2019 (58 utenti)

Nel mese di novembre i nuovi ingressi sono stati 72, con un aumento del 24 per cento rispetto a quelli del novembre 2019. L’incremento rispetto al mese precedente è del 4 per cento. Sono i numeri delle attività dei centri antiviolenza di Roma Capitale.

Come riporta il Campidoglio in una nota, anche nel mese di novembre 2020 si sono registrati 72 nuovi ingressi, con un aumento del 24 per cento rispetto a quelli del novembre 2019 (58 utenti). Il totale delle donne seguite, molte delle quali proseguono il percorso intrapreso, è a fine novembre di 866.

L’incremento rispetto al mese precedente è del 4 per cento, mentre in relazione al totale di donne seguite fino a novembre del 2019, il dato di aumento è del 105 per cento. I centri antiviolenza di Roma Capitale sono collegati al numero nazionale antiviolenza e antistalking 1522, attivo h24 tutti i giorni. Sul portale di Roma Capitale è inoltre attiva la pagina “Roma per le donne”, dedicata a tutti i servizi utili, compresi i numeri di WhatApp recentemente attivati.

I dati continuano a sottolineare l’importanza dell’attività dei Centri Antiviolenza di Roma Capitale nell’offrire supporto e percorsi personalizzati alle donne vittime di violenza, in modo particolare durante quest’anno segnato dal lockdown e dall’emergenza Covid”, dichiara la sindaca di Roma Virginia Raggi. “Il nostro impegno non si ferma: dopo l’apertura di cinque centri anti violenza, continuiamo a investire in servizi e strutture, perché nessuna deve essere lasciata sola”.
 
L’aumento costante di accessi ai nostri servizi è un segno che dà testimonianza del coraggio di tante donne che dicono basta alla violenza, fanno emergere i maltrattamenti e intraprendono un percorso concreto di fuoriuscita e di riconquista della propria autonomia. I nostri Centri sono un luogo in cui ogni donna può sempre trovare supporto psicologico, operativo, legale, e soluzioni adatte alla propria realtà. Il nostro impegno per loro e per i loro figli è costante” afferma l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale Veronica Mammì.
 
Il costante monitoraggio dei servizi antiviolenza di Roma Capitale conferma che le azioni intraprese dalla nostra amministrazione sono la giusta risposta alle esigenze delle donne che subiscono violenza. I nostri CAV sono luoghi di ascolto e accoglienza nei quali le donne possono ritrovare la loro libertà. L’aumento degli ingressi ci motiva a proseguire nel promuovere la rete dei servizi antiviolenza e nella rilevazione mensile dei servizi erogati dall’amministrazione capitolina, con lo scopo di continuare a garantire una soluzione concreta alla lotta contro la violenza di genere” afferma la delegata della Sindaca per le politiche di genere Lorenza Fruci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Chi è Manolo Gambini il detenuto evaso da Rebibbia dopo aver scavalcato la recinzione

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento