Politica

Ceneri Proietti, interviene la figlia: "La notizia è stata attacco alla città e alla sindaca"

Carlo Proietti: "Per la sepoltura ci vorrà del tempo, i tempi sono lunghi ora e lo sono sempre stati, i problemi ci sono e ci sono sempre stati"

Le ceneri di Gigi Proietti troveranno sepoltura nel cimitero del Verano, ma per "la sua sepoltura ci vorrà tempo". La notizia è emersa ieri nella replica di Ama allo scoop di Repubblica sulla mancata sepoltura dell'attore romano ed ha spinto l'amministratore unico di Ama, Stefano Zaghis, a parlare di fake news rispetto alle notizie circolate per tutta la giornata di ieri. La linea di Zaghis è sposata oggi dalla figlia di Gigi Proietti, Carlotta che ha parlato tramite facebook: "Vi informo che la notizia uscita ieri, è una fake news. Abbiamo preparato immediatamente una smentita, congiuntamente con Ama e Roma Capitale, che pubblico qui sotto, e che non tutti hanno letto, evidentemente".

Questa la replica di Ama

Le operazioni di sepoltura delle spoglie di Gigi Proietti sono seguite in stretto raccordo dalla Famiglia Proietti, AMA S.p.A. e Roma Capitale secondo le disposizioni della stessa famiglia del grande artista italiano. In particolare, AMA fin da subito si è messa in contatto con la famiglia di Gigi Proietti per assicurarne una degna sepoltura. Il Maestro è deceduto il 2 novembre, è stato cremato il 10 novembre e le ceneri sono state consegnate alla famiglia il giorno successivo. Già da novembre dello scorso anno, tecnici di AMA - Cimiteri Capitolini, insieme a un rappresentante di Roma Capitale, hanno effettuato una serie di sopralluoghi con i congiunti del grande artista romano in più aree del Cimitero Monumentale del Verano. La scorsa settimana, i familiari di Gigi Proietti hanno individuato e scelto la soluzione più idonea tra quelle visionate, comunicandola ad AMA e agli uffici preposti di Roma Capitale. La richiesta riguarda la concessione di un’area per cappella da edificare, collocata nella parte nuova del cimitero Verano, vicino al Sacrario Militare.

Carlotta Proietti continua: "Vi pregherei di non alimentare queste polemiche, inutili e dannose. È stato evidentemente un attacco alla città, alla sindaca, fatto usando il nome di mio padre. Forse la cosa che fa più tristezza è quando ci si permette di dire “cosa avrebbe detto Gigi”. Bene. Nessuno può sapere cosa avrebbe detto, di sicuro posso dirvi che a lui Virginia Raggi piaceva, e non avrebbe “riso sornione”, non avrebbe preso in giro, non avrebbe ironizzato. Sicuramente si sarebbe informato prima di aprire la bocca e daje fiato". L'attrice quindi aggiunge che "per la sepoltura ci vorrà del tempo, i tempi sono lunghi ora e lo sono sempre stati, i problemi ci sono e ci sono sempre stati".

Ieri era stato Zaghis ad attaccare per la diffusione della notizia: "Perdonali Gigi”, esordisce con queste parole il messaggio che l’Amministratore Unico di AMA S.p.A., Stefano Zaghis, ha pubblicato sul proprio account twitter per stigmatizzare la fake news apparsa questa mattina su un noto quotidiano romano. "Sono profondamente rammaricato e stupito – aggiunge in una nota Zaghis –. Leggere certe notizie, assolutamente non vere e non verificate né con AMA né tantomeno con Roma Capitale, fa veramente male e non è accettabile. Fin da subito, in stretto contatto con i congiunti e in raccordo con il Gabinetto della Sindaca, ho seguito personalmente e con lo staff dei Cimiteri Capitolini i sopralluoghi per poter dare degna sepoltura a Roma al grande artista italiano. Roma non può fare a meno di Gigi Proietti. Sono felice, per questo, che la famiglia abbia optato qualche giorno fa per la sepoltura al Cimitero Monumentale del Verano, dove il grande attore riposerà accanto ad altri illustri protagonisti dell’identità culturale romana come Giuseppe Gioachino Belli e nazionale come Goffredo Mameli".  

carlottaproietti-2


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ceneri Proietti, interviene la figlia: "La notizia è stata attacco alla città e alla sindaca"

RomaToday è in caricamento