Martedì, 16 Luglio 2024
Politica

La raccolta dei rifiuti solo per chi ha la tessera: a Roma arriveranno i cassonetti smart

La gara per l'acquisto dei bidoni intelligenti è in corso e dopo l'estate dovrebbe partire la sperimentazione in un quartiere dove non c'è il porta a porta

Il comune di Roma ha in serbo una grossa novità in tema di conferimento e raccolta dei rifiuti e tramite la municipalizzata Ama farà partire una sperimentazione in un quartiere che non è servito dal porta a porta.

Come ha potuto verificare RomaToday, è in corso in queste settimane la gara per l'acquisto di cassonetti "smart", che dovrebbero essere installati dopo l'estate per ora in un quartiere-pilota della Capitale, non servito dalla raccolta porta a porta e con un'alta intensità di negozi e attività di somministrazione. L'obiettivo, infatti, è quello di permettere il conferimento della differenziata solo ai residenti, tramite una card magnetica nominativa, tenendo fuori i commercianti così da evitare i cumuli di imballaggi, dal cartone alla plastica, che caratterizzano i marciapiedi della città. 

La scelta del quartiere Africano, nel II municipio, come quadrante per la sperimentazione è stata riportata dalla consigliera capitolina del Pd Cristina Michetelli in un post Facebook del 26 giugno: "Questi cassonetti, più capienti degli attuali, non potranno essere usati dagli esercenti - scrive la consigliera - , ma saranno riservati alle famiglie, che dovranno però rigorosamente rispettare la raccolta differenziata. Saranno evitati il rovistamento tra la spazzatura e la dispersione di odori e si potrà così calcolare la Tari sui rifiuti effettivamente prodotti. Più pulizia e più responsabilità per tutti". Ma da via Tripoli smentiscono: "Non c'è nessuna ufficialità da parte di Ama o del dipartimento rifiuti - spiega al giornale Rino Fabiano, assessore del II - I dettagli tecnici e il posizionamento non sono ancora sicuri". 

In ogni caso, sembra proprio che il piano sia stato definito almeno nelle sue linee generali. Con questa nuova modalità di conferimento, Ama riuscirà innanzitutto a emettere un bollettino Ta.Ri. puntuale, perché basato sul "peso" effettivo dei rifiuti gettati da ogni nucleo familiare, ma anche a pizzicare chi non differenzia correttamente quanto prodotto. La card magnetica, come detto, è nominale e la municipalizzata potrà risalire ogni volta a chi ha conferito all'interno dei nuovi cassonetti, che dovrebbero essere a forma di campana e avere un costo unitario di 1.500 euro. 

 Nelle scorse settimane, prima dell'incendio che ha divorato uno dei due impianti Tmb di Malagrotta mettendo nuovamente in ginocchio la raccolta dei rifiuti a Roma, il sindaco Roberto Gaualtieri aveva dato il via a una cabina di regia, coordinata dal capo di gabinetto Albino Ruberti, proprio per analizzare le numerose problematiche relative alla raccolta delle utenze non domestiche, quindi bar, ristoranti e negozi in generale. Il Campidoglio vuole capire come mai in molti quartieri, soprattutto nel Centro Storico e nei luoghi della movida, le quattro ditte esterne che hanno ottenuto il subappalto da Ama non riescano a coprire con puntualità il servizio ed eventualmente sanzionare le negligenze. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La raccolta dei rifiuti solo per chi ha la tessera: a Roma arriveranno i cassonetti smart
RomaToday è in caricamento