Caso scontrini, Marino assolto: "Hanno vinto verità e giustizia, ma ferita a democrazia non si rimargina"

La Cassazione ha annullato la condanna a due anni di reclusione perchè "il fatto non sussiste". L'ex sindaco di Roma: "Su di me accuse infondate e infamanti"

L'ex sindaco di Roma, Ignazio Marino è stato assolto. "Il fatto non sussiste", con questa motivazione la Cassazione ha annullato senza rinvio la condanna a due anni di reclusione nei confronti di Ignazio Marino accusato di peculato e falso per la vicenda degli scontrini delle cene di rappresentanza quando era sindaco della Capitale. 

Caso scontrini: assolto l'ex sindaco Ignazio Marino

Al centro del processo, la rendicontazione di una cinquantina di cene, per un totale di circa 12mila euro, che Marino aveva pagato con la carta di credito di rappresentanza del Campidoglio durante i 28 mesi del suo mandato tra il 2013 e il 2015. 

Dopo essere stato assolto in primo grado da tutte le accuse, nel gennaio dello scorso anno Marino era stato condannato a due anni dai giudici della terza sezione della Corte d'Appello di Roma. Ieri la decisione della Cassazione: assolto dalle accuse di peculato e falso. 

Caso scontrini: la Cassazione assolve l'ex sindaco di Roma Ignazio Marino

Marino assolto: "Hanno vinto verità e giustizia"

“Hanno vinto la verità e la giustizia. Era ora. La sentenza della Cassazione non rimedia ai gravi fatti del 2015, alla cacciata di un sindaco democraticamente eletto e di un’intera giunta impegnati senza fare compromessi per portare la legalità e il cambiamento nella Capitale d’Italia. Una ferita per la democrazia che non si rimargina” - ha commentato Marino rimandando valutazioni politiche e responsabilità individuali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' il tempo delle considerazioni personali. E non posso che ripetere a testa alta, come ho sempre fatto, ciò che ho sostenuto dal primo giorno in cui mi sono state rivolte accuse infondate e infamanti: non ho mai utilizzato denaro pubblico per finalità private. E’ piuttosto vero il contrario. E finalmente oggi è chiaro e tutti, anche a coloro che - ha concluso - mi hanno infangato provocando dolore e imbarazzo a me e alla mia famiglia”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Gita fuori porta: cinque luoghi da non perdere a due passi da Roma

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: quattro arrivano da altre regioni. I dati Asl del 31 luglio

  • Prova a scavalcare ma rimane infilzato: muore per infezione in ospedale. I genitori denunciano i medici

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 30 luglio

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento