Mercoledì, 23 Giugno 2021
Politica

Cartelloni abusivi, sequestrato l'ufficio Affissioni del Comune

Il sequestro è stato ordinato da Alemanno. L'ufficio capitolino da venerdì scorso risulta "sottoposto a controllo". Bordoni: "Si realizzerà un preciso elenco delle affisioni abusive"

Il Campidoglio “scende in campo” contro la piaga dei cartelloni abusivi. Il sindaco Alemanno ha ordinato il sequestro dell’ufficio Affissioni del Comune. Il nuovo vicecomandante della Polizia municipale, Antonio Di Maggio, ha predisposto il sequestro dell'ufficio di via Ostiense, che da venerdì scorso risulta “sottoposto al controllo”. Di Maggio ha chiesto il sequestro del registro delle ditte e degli impianti.

TOLLERANZA ZERO: “L'inchiesta - spiega su Repubblica l'assessore capitolino al Commercio, Davide Bordoni - mira a verificare quali sono le aziende in regola e, attraverso verifiche e controlli, si realizzerà un preciso elenco dei cartelloni abusivi o irregolari. D'ora in poi sarà tolleranza zero”, annuncia Bordoni.

CATARCI: Una misura che, secondo il presidente del Municipio XI, spiega le affermazioni di Alemanno risalenti a qualche giorno fa sulla presenza della mafia dietro il problema delle affissioni abusive. “Il sequestro degli uffici e degli archivi di via Ostiense dove si lavorano le pratiche sugli impianti pubblicitari, dove c'è dunque la documentazione su autorizzazioni, controlli e sanzioni, spiega l'uscita di Alemanno sulle presenze mafiose nel settore. Da quando è sindaco aveva scelto il silenzio e la negazione puerile dell'evidenza, ora ha provato a invertire la rotta perché sapeva dell'intervento della polizia giudiziaria. Così – dice Catarci - pochi giorni prima, in maniera assolutamente non credibile, ha messo le mani avanti, in un giochetto meschino in cui con tre parole si prova a cancellare più di tre anni di regali sostanziosi fatti proprio a quei soggetti. Con l'occasione non si dimentichi di approfondire il ruolo svolto da società di servizi pagate profumatamente per, secondo voci maliziose, svolgere funzioni pressoché identiche a quelle di altri dipendenti comunali”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cartelloni abusivi, sequestrato l'ufficio Affissioni del Comune

RomaToday è in caricamento