"A Capodanno artisti professionisti tutti pagati. Ecco cosa faremo al Circo Massimo"

A Rtl il vicesindaco Luca Bergamo chiarisce i dettagli, la filosofia e il programma della tanto criticata festa di fine anno

Sono i suoi giorni, quelli in cui è diventato vice sindaco e in cui è finito al centro delle polemiche per il concertone saltato al Circo Massimo. Colpo su colpo risponde alle accuse, riscrive le feste, prova ad aggiustare il tiro laddove sono stati commessi evidenti errori. Luca Bergamo rivendica con orgoglio il Capodanno della Capitale, ne spiega la filosofia e ne racconta quello che sarà lo svolgimento. Lo fa, dopo un Natale di polemica, ai microfoni di Rtl. 

ARTISTI PAGATI - Respinge l'accusa di artisti che non saranno pagati. Per Capodanno "saranno coinvolti 500 artisti professionisti e voglio chiarire perchè c'è un po' di strana polemica sugli artisti pagati o non pagati: gli artisti che fanno performance sono pagati. E tra questi ci stanno spettacoli di teatro con Celestini, Populizia, Lante della Rovere, Sparagna, la Junior orchestra, l'orchestra di Musica per Roma. Abbiamo dato voce agli angeli di ponte Sisto con letture di testi fatte da Erri de Luca, Raimo eccetera. Quasi qualunque possibilità di vivere spettacolo dal vivo".  Il riferimento di Bergamo è alla festa del 1 gennaio, quella che inizialmente doveva partire alle 3 e poi si è scelto di far partire alle 22. Gli spettacoli saranno regolarmente pagati. 

GLI ARTISTI DI STRADA - Il 23 è stato pubblicato un avviso sul sito del Comune di Roma che ha sollevato non poche polemiche. Bergamo ne spiega la ratio: "La Festa di Capodanno avrà a disposizione un chilometro di piazza lungo cui, sui ponti e sulla strada, ci saranno attività e spettacoli di ogni genere. In questo spazio, gli artisti di strada possono raccogliere offerte a cappello, come si fa sempre, e possono fare tranquillamente la loro attività. E poi, ci sono anche dei piccoli posti che sono dedicati invece a scuole e amatori per raccontarsi. E questo sarà a scopo non commerciale". 

AL CIRCO MASSIMO - I contenuti della festa che partirà alle 3 sono già noti a tutti perché oggetto di una conferenza stampa. Meno noto è quel che accadrà al Circo Massimo. Lo spiega il vicesindaco: "Faremo 24 ore di attività, cominciando alle 22.30 del 31 fino alle 22 del primo gennaio. Il 31 sostituiremo il concerto del Circo Massimo con una cosa che avevamo pensato: ci saranno 15 installazioni con performance e spettacoli di "nouveau cirque" che illumineranno il Circo Massimo, e a mezzanotte faremo andare i cento violoncelli diretti da Melozzi per il countdown. E poi inizieremo con i dj". 

LA FESTA SUI PONTI - "Dalle 3.30 comincia il programma sui ponti della città - aggiunge- L'idea è che vogliamo festeggiare il nuovo anno più che la chiusura del vecchio, e volevamo farlo riconquistando uno spazio che la città ha perduto: il Tevere, scomparso quando sono stati costruiti gli argini. Abbiamo deciso di fare tantissime iniziative sui ponti. Dalle 3.30 alle 6 per i nottambuli, dalle 10 a mezzogiorno per le famiglie e dal primo pomeriggio a sera per tutti quanti".

L'ORGOGLIO DI BERGAMO - L'assessore alla cultura rivendica con orgoglio il lavoro in atto: "Una delle cose che mi piace molto di questa iniziativa di Capodanno è che per la prima volta è il prodotto dell'ingegno collettivo di tutte le istituzioni culturali che rispondono al Comune di Roma. E una cosa sorprendente è che facendo questo lavoro alcuni si sono resi conto di non aver mai incontrato gli altri. Oggi questo noi lo stiamo cambiando. Ci vorrà un po' di tempo e in ambienti diversi dalla cultura questo ovviamente tocca interessi molto forti". Perchè, conclude il vicesindaco, "non c'è dubbio che la diversità di opinione è ciò che rende tale una democrazia. La diversità di opinioni sulle Olimpiadi o sullo Stadio Olimpico non significa inimicizia. Poi, diversità di interessi è un altro discorso". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

Torna su
RomaToday è in caricamento