Campo rom "tollerato" al Foro Italico, arrivano le ruspe: 129 persone sotto sgombero

L’insediamento abusivo, tollerato dai primi anni ‘90, sarà smantellato: ordinata la bonifica dell’immensa discarica alle sue spalle, un disastro ambientale sulle sponde del Tevere

Via montagne di rifiuti e manufatti abusivi dall’area golenale di via Foce dell’Aniene: quella alle spalle del campo rom Foro Italico, la baraccopoli sorta nei primi anni ‘90 lungo la tangenziale e da allora “tollerata”.

Dietro la baraccopoli un’immensa discarica

Per consentire la bonifica del terreno trasformato negli anni in un’immensa discarica abusiva, terra di sversamenti illeciti e roghi “tossici”, l’intero insediamento sarà trasformato in area di cantiere con movimentazione di mezzi.

Campo rom Foro Italico: 129 persone sotto sgombero

Il campo nomadi Foro Italico sarà quindi sgomberato: in base ai dati del Comune sono 129 le persone presenti e che saranno supportate tramite un lavoro integrato tra Sala operativa sociale e Municipio II.

L’Ama si occuperà della massiccia opera di rimozione dei rifiuti: il Campidoglio ha già avviato “gli atti di competenza in danno della Regione Lazio”. 

Il Comune sgombera il campo rom Foro Italico: “Operazione storica”

Dopo trent’anni dunque sgombero per il campo rom dell’Olimpica e bonifica per la “terra dei fuochi” a due passi da Tevere e Aniene, proprio ai piedi dei Parioli. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Si tratta di un’operazione di portata storica, in quanto viene liberata un’area occupata da un vera e propria baraccopoli addirittura a partire dal 1990. Un intervento consistente e strutturale, atteso da tantissimo tempo per ripristinare il decoro e mettere fine a condizioni igienico sanitarie pessime. Gli effetti disastrosi di questa situazione impattavano sulla zona circostante. Assicuriamo quindi tutela e vivibilità a tanti cittadini di questo pezzo di città e - ha spiegato il delegato alla sicurezza di Roma Capitale, Marco Cardilli - sottraiamo dal degrado e dall’assenza dei più elementari diritti le persone che vivono nell’insediamento, tra cui vari bambini”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Case Ater all’asta: da Garbatella a Trionfale 18 immobili finiscono sul mercato

  • Conosce anziana in treno e la violenta nel vagone, arrestato 28enne

  • Coronavirus, a Roma nove nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 agosto

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

  • Meteo Roma e Lazio, allerta maltempo da oggi e per le prossime 24 ore

  • Coronavirus, a Roma 12 nuovi casi: sono venti in totale nel Lazio. I dati Asl del 7 agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento