menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di archivio

Immagine di archivio

Commercio, via al rinnovo delle licenze su area pubblica

Avverrà in applicazione della norma nazionale con la concessione agli operatori per altri 12 anni

Le licenze del commercio su area pubblica, con scadenza il 31 dicembre 2020, saranno prorogate per altri 12 anni secondo le linee guida del Ministero dello Sviluppo Economico, in linea con gli altri comuni italiani e secondo le modalità operative dettate dalla Regione Lazio. Ad annunciarlo è l’assessorato capitolino che ha dato indicazioni agli uffici preposti sulla digitalizzazione del processo per garantire correttezza e tracciabilità.

Per il Comune di Roma, i ritardi imputati al Campidoglio sono “tutt’altro che ascrivibili agli Uffici centrali considerato che la competenza è dei Municipi sin dal 2018 come previsto dal regolamento sulle attività commerciali su aree pubbliche approvato dall'Assemblea Capitolina” hanno spiegato dall’assessorato precisando che il Dipartimento Sviluppo Economico impegnato in un lavoro continuo di sollecito e collaborazione per la conclusione dell’iter amministrativo necessario agli spostamenti definitivi delle bancarelle non compatibili con il codice della strada e con il contesto urbano.

Oltre un anno fa sono stati conclusi i lavori del Tavolo del decoro per agevolare l’attuazione definitiva delle ricollocazioni stabilite, in quella occasione fu istituita una cabina di regia composta dalle strutture territoriali e dagli uffici dell’amministrazione centrale, chiedendo agli altri Municipi la disponibilità di accogliere nei propri territori eventuali posteggi non ri-localizzabili nelle aree in oggetto. Inoltre è stata approvata una deliberazione per poter riconvertire le concessioni che verranno revocate, come prevede il Testo Unico del Commercio regionale.

“Spingiamo sulla digitalizzazione dei processi per evitare ulteriori episodi di illegalità che pregiudicano l’immagine di un comparto fatto di lavoratori onesti e rispettabili” ha commentato Carlo Cafarotti, Assessore allo Sviluppo Economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale. “Più volte è stato necessario richiamare il Municipio I alle proprie responsabilità rispetto ai ritardi sugli spostamenti delle postazioni ambulanti nelle zone di pregio del Centro, come da ultimo su Via Cola di Rienzo. Mi aspetto che la presidente Alfonsi completi l'iter per le postazioni rimaste sospese, relativamente agli ambiti di sua competenza” ha concluso il delegato allo sviluppo economico della giunta Raggi.

Piani di massima occupabilità e Arredo Urbano: E' ora di dare risposte Dare risposta certa ed in tempi ragionevoli agli...

Pubblicato da Andrea Coia su Venerdì 8 gennaio 2021
Argomenti
Condividi
In Evidenza
De Magna e beve

Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Attualità

Coronavirus, a Roma 534 casi. Sono 1243 i nuovi contagi nella regione Lazio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento