rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Politica

Camion bar via entro il 10 luglio, Marino: "Abbiamo realizzato un sogno"

Settantasei le postazioni che verranno ricollocate fuori dalle aree centrali. Dieci i giorni di tempo per adeguarsi, altrimenti interverrà la forza pubblica e non solo con multe. Leonori: "Previste anche rimozioni e sequestri della merce"

Una liberazione per Roma, quasi al pari dei sigilli a Malagrotta, una battaglia senza precedenti, di quelle che il sindaco Marino ha sottoscritto dalla prima ora, all'interno di un più ampio progetto di riqualificazione della vetrina turistica romana. I camion bar lasceranno a giorni l'area archeologica compresa tra il Colosseo, i Fori Imperiali, il Pantheon, Piazza di Spagna. E stavolta non c'è margine per cambi di rotta. Si fa sul serio. 

Un provvedimento "storico" per il chirurgo dem, che davanti alla stampa, affiancato dagli assessori al Commercio e ai Lavori Pubblici, Marta Leonori e Maurizio Pucci, si auto incorona "realizzatore di un sogno", sventolando vecchi volantini degli anni '90, quando già si pensava a liberare la Roma antica da auto e bancarelle. Un'attesa lunga un trentennio in cui a colpi di Tar e proteste si è sempre affossato i timidi tentativi di rivoluzione delle giunte precedenti. "Oggi grazie alla mia squadra il sogno diventa realtà, mettiamo fine a una situazione che danneggia l'immagine della nostra città e dei suoi monumenti più rappresentativi". 

Ma veniamo ai dettagli. Sono 76 le postazioni che verranno ricollocate fuori dalle aree centrali: 22 camion bar, 43 urtisti e 11 fiorai. Le bancarelle di cibo e bevande potranno operare a Lungotevere Oberdan, Lungotevere Testaccio, Lungotevere Maresciallo Diaz, via della Piramide Cestia e via Carlo Felice. Gli urtisti, o "ricordari", oggi venditori di souvenir un tempo di articoli religiosi, finiranno invece tutti su via di San Gregorio, lato Celio. Un traguardo che arriva a fine di un lungo percorso articolato intorno al Tavolo del Decoro istituito l'anno scorso con il Ministero dei Beni e attività Culturali. "E' stato davvero un importantissimo lavoro di squadra" spiega Leonori, sottolineando, oltre alle regole, gli aspetti repressivi: sconti stavolta non se ne fanno. "Non saranno semplici multe visto che in caso di violazioni si potrà arrivare anche al sequestro di merci e mezzi".

E il Tar nemico numero uno dei paladini del decoro? "Il Tribunale si è già espresso a Dicembre rigettando il ricorso di alcuni operatori commerciali" rassicura Leonori. Già un via libera insomma che dovrebbe dare sufficienti garanzie. I banchi si sposteranno e l'area resterà vuota. O almeno, questa è la speranza, perché dietro l'angolo c'è sempre il pericolo abusivi. Un fiume di venditori ambulanti con secchi ghiacciati pieni d'acqua e lattine di birra o di bastoncini allungabili per selfie 'd'autore'. Problema che l'amministrazione conosce fin troppo bene. 

"In collegamento costante con la Prefettura, lavoreremo non solo perchè chi non ha diritto non ci sia più - ha specificato l'assessore Pucci - ma perchè questi non vengano sostituiti dall'abusivismo: questa è la nostra battaglia per il controllo del territorio, altrimenti abbiamo fatto una bella battaglia, quella sui camion bar, ma rischiamo di perdere la guerra". Marino invece vuole vincere, e in tempi in cui i media locali lo danno quasi per 'spacciato', finire osannato sui giornali di mezzo mondo come il salvatore dei beni culturali più visitati del pianeta è un'occasione di rilancio d'oro. 

Anche se il tema crisi, dimissioni, pezzi di giunta (renziani) che si perdono per strada, oggi è un tabù. E alle domande off topic dei giornalisti il sindaco non risponde, le schiva tra incomprensioni (finte?) e giochi di parole. Come si dice, 'fa lo gnorri'. A chi gli chiede se farebbe una passeggiata con Renzi lungo i Fori Imperiali 'liberati', risponde proponendo di accompagnarci tra 15 giorni, a provvedimento in vigore, i media. E a chi gli fa notare che la domanda riguardava il premier e non la stampa risponde laconico "non avevo capito". Salvo ripensarci a fine conferenza: "Sì certo che lo inviterò". A chi invece chiede un commento rispetto alle prossime dimissioni dell'assessore Improta, replica a mezza bocca: "Non considero la perdita dei camion bar come la perdita di un pezzo importante della mia Giunta". Poi, il silenzio. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camion bar via entro il 10 luglio, Marino: "Abbiamo realizzato un sogno"

RomaToday è in caricamento