menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caldarroste e camion bar, Marino attacca: "Normale pagare 3 euro al giorno di suolo pubblico?"

Il primo cittadino chiamato a rendicontare in commissione Bilancio alla Camera, sul piano per far rientrare nei binari Roma Capitale, annuncia la stretta sugli ambulanti. Alfiero Tredicine: "Deve valere per tutti"

Nessuna tassa in più per i romani, il sindaco Marino l'ha detto e ridetto in più occasioni. Qualcuno però, tra manovre e piani di rientro, ci rimetterà. "Vi sembra normale che chi vende caldarroste paghi 3 euro al giorno quando un cartoccio viene venduto a 4?". Già, nel mirino la categoria degli ambulanti e le tasse di occupazione di suolo pubblico. 

Il primo cittadino chiamato a rendicontare in commissione Bilancio alla Camera, sul piano per far rientrare nei binari Roma Capitale, annuncia la stretta su chioschi e commercio ambulante, già in lotta per non perdere le postazioni vicino ai monumenti. "Nuove tasse non ne vogliamo mettere, ma stiamo lavorando alla modifica di alcune tassazioni. Credo che sull'occupazione di suolo pubblico qualche correttivo vada inserito e lo inseriremo". "Vi sembra normale che un camion bar paghi 3 euro a fronte di un guadagno di 2.000-3.000 euro al giorno?". 

Rapida la reazione del re degli ambulanti, non che presidente di Apre Confesercenti, Alfiero Tredicine. "Noi siamo disponibili al dialogo, ma non si spari nel mucchio. Altrimenti sembra un provvedimento studiato ad hoc nei confronti di una categoria". Sì perchè sono tante le attività che pagano l'occupazione di suolo pubblico, ma il sindaco Marino, alla Camera, fa l'esempio esclusivamente di camion bar e banchetti di caldarroste. 

Un provvedimento specifico solo per la categoria? Così per Tredicine, che non ci sta. "Vanno regolamentati tutti, non soltanto specifiche categorie, altrimenti sembra qualcosa fatto ad hoc per un settore. 

Tra l'altro, sarebbero proprio i caldarrostari "quelli che pagano di più". Sì, perchè "i caldarrostai pagano come tutti gli altri - cioè circa 300 euro l'anno al metro quadro nel I municipio - ma lavorano soltanto 6 mesi l''anno. Quindi, a differenza degli altri, se lavorasse tutto l'anno, pagherebbe 600 euro. Certo, se uno paga per un metro quadro può sembrare poco, ma paga in base all'occupazione effettiva". 

Che poi, aggiunge parlando con l'agenzia Dire, quella dei caldarrostai "è anche una categoria in estinzione, quasi tutti chiudono perchè non lavorano". "Se non si vuole personalizzare l'Osp - puntualizza Tredicine - si deve parlare dell'intero settore del commercio su aree pubbliche". In questo caso, "siamo disponibili al dialogo per risolvere insieme i problemi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento