Politica

Assembramenti su bus e metro, Atac rassicura: "Trasporti in sicurezza, norme anti covid rispettate"

Così l'au Giovanni Mottura. Parole che innescano polemiche: "Necessario e urgente fare uno sforzo per recuperare le criticità emerse e ampliare il parco autobus"

Prendere i mezzi pubblici a Roma è sicuro. A tranquillizzare i cittadini pensa l'amministratore unico di Atac, Giovanni Mottura. Su bus, tram e metro con la capienza ridotta all'80% dalle normative anti-coronavirus (nazionali e poi recepite a livello regionale), non c'è niente da temere.

"Noi ci stiamo attenendo in maniera rigorosa alle indicazioni del Governo e del Comitato tecnico-scientifico, che ha stabilito che il riempimento dei mezzi all'80 per cento è un trasporto sano e fisiologico" ha detto Mottura, intervenendo alla presentazione dei nuovi autobus entrati in servizio a Ostia, nel X municipio. "Ovviamente, la percezione su un mezzo che ospita 80 persone invece delle 100 possibili è quella di essere molto vicini. Ma assicuro - ha concluso l'au di Atac - che ci sono tutti i mezzi in campo e gli sforzi possibili perchè il trasporto sia in sicurezza".

Già, il tema trasporti è tornato a occupare il dibattito pubblico con la seconda ondata di coronavirus in corso, l'aumento quotidiano di contagi, le parallele nuove misure restrittive messe in campo da palazzo Chigi, le tante segnalazioni degli utenti che diffondono foto e video di bus e metro strapieni e le denunce dei sindacati. Da una parte c'è chi chiede di abbassare la soglia della capienza riportandola, come tra marzo e maggio, al 60%, scontrandosi però con le esigenze di garantire il trasporto pubblico, un servizio essenziale, a tutti. E chi invece opterebbe per un rafforzamento della flotta disponibile. Da più parti comunque si pretendono interventi urgenti. 

"Raggi faccia un giro sui mezzi"

"In una città di oltre 3 milioni di abitanti non basta rassicurare gli utenti con la favola della percezione, ma devono essere studiate e messe su strada strategie e un potenziamento della flotta su ruote e ferro in grado di far viaggiare gli utenti con la certezza del distanziamento e non convincerli del contrario" commenta Riccardo Magi deputato di +Europa Radicali. "Ad oggi, con l'impennata dei contagi, tutto ciò non è stato fatto e si continua a riempire i mezzi di trasporto come prima della pandemia, anche perchè a mancare sono i controlli degli addetti che dovrebbero quantificare quella irreale soglia dell'80%. Questa è la mia percezione di utente, ma posso anche sbagliare, ecco perchè invito la sindaca Raggi e l'amministratore unico di Atac Giovanni Mottura a prendere una metro e un bus insieme, partiamo da Anagnina alle 8 del mattino, arriviamo a Termini e poi, ancora insieme, saliamo sul 64 direzione San Pietro". 

"Ampliare subito il parco bus"

"L'Atac viaggia ormai a scartamento ridotto e con mezzi stracolmi nelle ore di punta. I sindacati da giorni denunciano la grave situazione di carenza di vetture. Ogni giorno 200 bus guasti restano nei depositi. L'attuale situazione sanitaria al contrario richiede un maggior numero di veicoli circolanti rispetto a quelli disponibili ed invece a Roma, per ironia della sorte, i bus disponibili diminuiscono" commenta anche la consigliera Pd Ilaria Piccolo. "Il prof. Francesco Vaia direttore sanitario dello Spallanzani da giorni lancia l'allarme sugli assembramenti nei mezzi pubblici ed invoca l'aiuto dell'esercito per portare gli studenti a scuola. È necessario e urgente fare uno sforzo per recuperare le criticità emerse da subito ed ampliare il parco autobus disponibile per il servizio pubblico. È ormai evidente che il trasporto pubblico rischia di essere una fonte primaria di diffusione della pandemia". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assembramenti su bus e metro, Atac rassicura: "Trasporti in sicurezza, norme anti covid rispettate"

RomaToday è in caricamento