Arriva la 'Linea R', il "bus fuorilegge" per mettere a gara il tpl romano

Magi: "Raggi pronta a nuovo affidamento in house dopo 2019, gara è unico strumento per servizio di qualità"

Un "bus fuorilegge", la "Linea R", che da domani attraverserà la città per rafforzare la raccolta firme sul referendum "Mobilitiamo Roma" per la messa a gara del tpl della Capitale, e offrirà a romani un servizio di trasporto "collettivo" alternativo a quello autorizzato. E' l'iniziativa presentata oggi dai Radicali Italiani. Nove fermate in corrispondenza di grandi capolinea e punti di snodo nei quattro quadranti della città: piazza San Giovanni di Dio, Cipro, piazza Mancini, Conca d'Oro, Porta Maggiore, piazza Malatesta, Colli Albani, San Paolo, stazione Trastevere. 

"A ogni fermata del bus della 'linea referendaria' raccoglieremo le firme e ci renderemo disponibili a trasportare gratuitamente i cittadini lungo il percorso, come disobbedienza civile per porre con forza l'urgenza di superare il monopolio disastroso di Atac" annuncia il segretario di Radicali Italiani Riccardo Magi, che oggi ha raggiunto la sede del comitato referendario proprio alla guida del bus della "Linea R" griffato "Se non firmi t'ATtACchi": slogan della campagna di comunicazione che impazza in rete e sui social network anche grazie alla serie di spot satirici. Al suo fianco Alessandro Capriccioli, segretario di Radicali Roma. 

"Il trasporto pubblico capitolino vive un'agonia, soltanto ieri 20 linee dell'Atac si sono fermate per mancanza di mezzi e con il caldo la situazione si aggrava di giorno in giorno", spiega Magi, "i cittadini sono esausti, ogni fermata della 'Linea R' sarà anche un'occasione per informarli sulla nostra iniziativa e sfatare i luoghi comuni, a partire dallo spauracchio della privatizzazione agitato da alcuni sindacati e forze politiche. Una privatizzazione surrettizia è quella che prepara chi, come la sindaca Raggi, vorrebbe continuare ad affidare il servizio in house ad Atac anche dopo il 2019, nell'attesa che qualche privato la compri, passando così da un monopolio a un altro. La nostra invece è un'iniziativa pienamente a favore del pubblico".

"Non è vero", continua Capriccioli, "che la gara mette a rischio i dipendenti Atac: gli autisti sarebbero assorbiti dal nuovo gestore e solo la contrattazione di secondo livello, quella legata alla produttività e all'organizzazione, potrebbe essere rivista. E non è vero poi, come sostengono alcuni esponenti politici, che la messa a gara nel 2019 sia prevista dalla legge: le norme non chiudono la strada all'affidamento in house e Raggi ha già fatto capire che l'intenzione è proseguire su questa strada disastrosa. Ecco perché la riuscita del nostro referendum 'Mobilitiamo Roma' è ancora più urgente".

La campagna ha già ottenuto diverse firme di personaggi politici come Walter Tocci e Marco Causi, di Francesco Giavazzi e altri 70 economisti e accademici di tutte le università italiane. "Ora è necessario raggiungere il traguardo delle 29 mila firme entro metà agosto. Al momento siamo intorno alle 10 mila, grazie alle decine di militanti radicali e ai volontari che si sono uniti alla campagna strada facendo, ma il trend è incoraggiante soprattutto nelle zone più periferiche e la "Linea R" darà un'ulteriore spinta al referendum per una riforma che potrebbe cambiare il volto della Capitale e la qualità della vita dei cittadini" conclude Capriccioli. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

Torna su
RomaToday è in caricamento