Assembramenti sui mezzi pubblici: più corse per i bus extraurbani, bando al via

La gara consentirà di proseguire fino a fine anno con 500 corse al giorno in più rispetto al programma scolastico

Cotral rafforza la flotta di bus per alleggerire la capienza e contrastare gli assembramenti sui mezzi. L'azienda regionale affidataria del servizio di trasporto pubblico suburbano e interurbano ha pubblicato ieri un bando per affidare a operatori privati il servizio di bus integrativi per supportare le corse scolastiche. La novità è stata comunicata dalla stessa azienda che si occupa del trasporto e che ad oggi già effettua 500 corse al giorno in più rispetto al programma scolastico dello scorso anno, offrendo il 25% di servizio aggiuntivo per compensare il limite di capienza di mezzi. 

"Ciò è stato possibile grazie ad un provvedimento della Regione Lazio di affidamento ai privati, a partire dalla riapertura delle scuole, il 14 settembre, per la durata di un mese - spiega Cotral in una nota - la gara bandita da Cotral permetterà di proseguire questo servizio fino alla fine dell'anno scolastico". 

All'interno del capitolato di gara sono già state definite le corse aggiuntive, oltre alla previsione di ulteriori quote che potranno essere attivate in via d'urgenza. "Questi elementi di flessibilità - si legge ancora nella nota - permetteranno all'azienda di gestire le criticità che di volta in volta si dovessero configurare. L'affidamento di servizi aggiuntivi e integrativi del trasporto scolastico, suddiviso in 8 lotti territoriali, si rivolge alle imprese che operano nel settore dei trasporti di tipo gran turismo. Il termine di presentazione delle offerte scadrà il prossimo 26 ottobre. Gli operatori interessati dovranno qualificarsi sulla piattaforma telematica disponibile sul sito web cotralspa.it. L'importo complessivo dell’affidamento è di 7 milioni e 200mila euro".

Anche il Comune a lavoro sul tpl

In parallelo anche il Comune di Roma sta correndo ai ripari per alleggerire il numero di utenti su bus e metro. Al momento, come da normativa nazionale, è consentito riempire i mezzi pubblici all'80% della capienza. Sul punto il governo centrale non ha apportato modifiche. Ma, numeri a parte, le immagini che gli utenti segnalano sui social network ormai quotidianamente mostrano autobus strapieni, e stazioni della metro con folle di passeggeri sulle scale mobili e in attesa sulle banchine. E il tema è al centro del dibattito politico. Agli enti locali è richiesto il massimo sforzo per incrementare le corse. 

In quest'ottica anche il Campidoglio sta per bandire una gara per l'affitto di bus turistici, con il milione di euro stanziato dalla Regione Lazio. Per gli appalti però si sa, ci vuole tempo. E allora nell'immediato si pensa a rimodulare ulteriormente le linee più critiche, spostando in particolare vetture negli orari scolastici e di punta per i lavoratori. Poi, altra mossa a breve: spostare le famose linee S, i 70 bus privati messi lo scorso maggio in rafforzamento dei percorsi delle metropolitane che però, come mostrato anche da un servizio di RomaToday, non usa quasi nessuno. Ora il Comune lo ammette e pensa di trasferirle altrove. Entro la settimana comunque l'ufficializzazione delle nuove misure in campo.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Coronavirus, a Roma 1306 nuovi casi. D'Amato condanna: "Assurde le scene viste nei centri commerciali"

Torna su
RomaToday è in caricamento