Politica Via di Boccea

Buche, l'ipotesi choc: "Chiudere Portuense e Magliana per buche". A decidere saranno i vigili

La comunicazione del dipartimento Simu ai gruppi della polizia locale dei municipi XI, XII e XIII

Buche davanti alla metro Battistini

Via di Ponte Galeria, via di Malagrotta, alcuni tratti di via di Boccea, via Mattia Battistini, via Portuense, via della Magliana. Sei tra le principali arterie della rete stradale di Roma ovest, da chiudere per l'emergenza buche. Ad avanzare l'ipotesi sottoponendola all'attenzione dei vigili urbani di Roma Capitale è il dipartimento Simu, Lavori pubblici, con una lettera inviata ai gruppi della Polizia locale di XI, XII e XIII municipio, oltre che all'assessore Margherita Gatta. 

L'asfalto distrutto dal maltempo non risparmia nessun quadrante di Roma. Da nord a sud, da est a ovest, sono decine le strade impraticabili, tanto da finire al centro di un'inchiesta della Procura. E da costringere il Campidoglio a intervenire nell'immediato. In tarda serata l'annuncio: arriveranno 17 milioni di euro per coprire 50mila buche in un mese. Intanto però gli uffici capitolini hanno comunicato l'intenzione di chiudere alcuni tra gli assi viari fondamentali del quadrante occidentale della città, con il rischio di mandarne letteralmente in tilt viabilità e mobilità. 

La lettera è datata 6 marzo. Il dipartimento ha "valutato l'ipotesi" di chiudere le suddette strade "stante il perdurare delle condizioni di meteo avverse e viste le condizioni di alcuni tratti stradali ormai non più sanabili con interventi di manutenzione ordinaria". Un provvedimento resosi necessario data la fragilità delle carreggiate, sulle quali non ha senso intervenire tappando semplicemente le buche, almeno finché il meteo non si stabilizzerà. "Ogni ripristino a freddo e/o a caldo è puramente palliativo - spiega ancora il dipartimento - e oneroso per questa amministrazione, ma soprattutto assolutamente temporaneo". 

Si tratta nella sostanza di una richiesta fatta dal Campidoglio al Corpo di polizia locale. Per diventare esecutiva necessita, da prassi, di una disposizione finale dal Comando generale (o dai Comandi dei gruppi) agli agenti, attesa a stretto giro.  

La missiva è finita al centro di una commissione Trasparenza convocata in municipio XIII. "E' assurdo pensare di chiudere strade del genere, si bloccano interi quadranti della città - commenta il presidente della commissione Marco Giovagnorio (FdI) - tanto che gli stessi funzionari dei vigili convocati durante la seduta, ed è tutto a verbale, hanno detto che è una richiesta inaccettabile, che hanno provato a chiamare il dipartimento senza ricevere risposta. Una disciplina di traffico alternativa su strade del genere genera il caos". 

E la polemica sollevata da Fratelli d'Italia in municipio è rivolta anche alla giunta della presidente Giuseppina Castagnetta. In particolare relativamente alla lista di vie che necessitano di interventi di riparazione, recapitata all'assessorato capitolino come da richiesta della sindaca Raggi. Un lungo elenco (vedi in basso). Via Casalotti, via Cornelia, alcuni tratti di via Boccea, via di Torrevecchia, piazza Giureconsulti. "Ci sono strade indicate con approssimazione, incroci ripetuti più volte, tratti in cui si indica il punto di inizio e non la fine - commenta ancora Giovagnorio - è così che amministrano il territorio, senza conoscerlo". 


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buche, l'ipotesi choc: "Chiudere Portuense e Magliana per buche". A decidere saranno i vigili

RomaToday è in caricamento