Buche, i volontari di Tappami contro Raggi: "Comune ostile ci ignora, forse perché non siamo del M5s"

L'ormai nota associazione di cittadini, in strada a rattoppare l'asfalto da anni, ha chiesto un incontro al Comune. L'obiettivo? "Un albo dei volontari civici"

Volontari tappa buche a lavoro

Veder riconosciuto il proprio lavoro dalle istituzioni, e avviare un circolo virtuoso che metta a sistema il lavoro dei volontari. Sono le richieste dell'associazione Tappami, gruppo di romani che da anni si dà appuntamento sulle carreggiate della città, per mettere pezze alle strade, groviera, di Roma. 

"In meno di 3 anni abbiamo messo in sicurezza circa 5000 buche, a costo zero per le casse cittadine" racconta Cristiano Davoli, presidente del comitato, rivendicando quello che è "il primo progetto compiuto di volontariato civico che può garantire una manutenzione costante e delle buche più pericolose, manutenzione impossibile altrimenti perchè ci vorrebbero decine se non centinaia di milioni di euro". Già, che i fondi per la manutenzione stradale sono pochi non è una novità. 

Poi ricorda il lustro ricevuto addirittura in un articolo del New York Times, del Times e della prima rete televisiva pubblica tedesca Zfd. "Il nostro obiettivo è che il Comune istituisca un albo dei volontari civici e coordini tutti i progetti che possano contribuire, non certo solo il nostro. È una grande opera di mobilitazione che potrebbe risolvere almeno la messa in sicurezza del manto stradale parcellizzando quartiere per quartiere la disponibilità dei volontari a formarsi e a intervenire".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma l'immenso lavoro svolto è stato diffuso, lamenta l'associazione, solo dalla stampa. "Eppure il progetto funziona e dovrebbe solo essere implementato e fatto proprio dal Comune che invece fin qui ci ha ignorato deliberatamente". Un'accusa precisa, rivolta all'amministrazione Raggi. "Noi chiediamo un incontro per avviare un circolo virtuoso in cui i cittadini possano dare una mano volontariamente e gratuitamente all'Amministrazione. Dato il silenzio, se non l'ostilità, sin qui registrati, sorge spontaneo chiedersi se per tappare le buche e risparmiare danni e incidenti ai romani bisogna essere per forza iscritti ai Cinque Stelle". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Sciopero a Roma: venerdì 10 luglio a rischio metro e bus, gli orari e le fasce di garanzie

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

Torna su
RomaToday è in caricamento