Politica

Bombe a Ostia, tutti d'accordo al tavolo del prefetto: servono maggiori controlli sul territorio

I commenti a margine del comitato sull'ordine e la sicurezza convocato dal prefetto

Più controlli sul territorio ed un nuovo appuntamento messo in agenda tra un mese. E’ questo il risultato a cui è giunto il comitato provonciale per l'ordine e la sicurezza convocato da prefetto dopo le bombe carta esplose, nell’ultima settimana, tra Ostia, Dragona e Fiumicino.

Un giro di vite invocato anche dalla regione

Una maggiore presenza sul territorio, da parte delle forze dell’ordine, era stata invocta alla vigilia del comitato anche dalla regione Lazio. “L'escalation di violenza è un tentativo della criminalità organizzata di alzare il tiro, una sfida allo Stato e un attacco alla libertà e alla sicurezza dei cittadini che merita una risposta ferma e decisa delle Istituzioni” aveva commentato Luisa Regimenti, assessora regionale alla sicurezza ed alla polizia locale, dopo aver sottolineato che “quanto sta avvenendo ad Ostia e nel territorio del municipio X” stava destando “grande preoccupazione”. Per questo aveva invocato “un rafforzamento della presenza delle forze dell’ordine” che fosse utile ad assicurare “ un controllo più capillare ed organizzato” ad Ostia e sul litorale romano. Un’istanza condivisa da tutte le istituzioni locali che hanno preso parte al vertice in prefettura.

Più controlli nelle strade tutti d'accordo

“I fatti di cronaca che hanno interessato nei giorni scorsi Ostia e una parte del litorale romano non devono essere sottovalutati. Ecco perché è positivo il segnale di compattezza istituzionale arrivato dalla riunione del comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, a partire dal rafforzamento dei controlli disposto dal Prefetto Giannini che ringrazio - ha commentato il sindaco Roberto Gualtieri -  Come Roma Capitale abbiamo ribadito la piena collaborazione per garantire la sicurezza e la legalità sul Litorale, che sarà anche protagonista di un grande piano di investimenti”.

“Ci saranno maggiori controlli in tutto il territorio – ha annunciato la vicepresidente del municipio X Valentina Prodon –Noi abbiamo sottolineato che quello di Ostia è un territorio vastissimo e, per alcuni aspetti, debole anche geograficamente. È complicato controllarlo tutto, ma noi abbiamo chiesto che ci sia maggior presenza delle istituzioni in maniera sinergica per tutti i cittadini onesti che rappresentano la parte migliore del nostro territorio”. Richiesta che già in passato era stata formulata dal presidente Falconi, interessato ad avere maggiori agenti per le strade almeno durante il periodo della stagione balneare.

Le quattro deflagrazioni che nel giro di una settimana hanno colpito un autosalone, un’auto parcheggiata davanti la caserma delle Fiamme gialle, un ristorante ed un’auto di proprietà di un ristoratore, hanno allertato la Direzione distrettuale antimafia e convinto il prefetto Lamberto Giannini a convocare, con urgenza, una riunione a Palazzo Valentini.

“Tutte le forze dell'ordine, tra cui la Polizia locale, ormai da anni mantengono una grandissima tensione e faranno uno sforzo ancora maggiore, perché il litorale romano va assolutamente valorizzato e recuperato dopo almeno 15 anni di abbandono istituzionale” ha commentato a margine dell’incontro in prefettura Alessandro Onorato. 

Dossier - Ecco chi vuole prendere il potere ad Ostia

Gli investimenti sul rilancio del litorale

I fatti avvenuti sul litorale, che ora sono“super attenzionati”, “mortificano” però il lavoro che è stato fatto “dopo un anno in cui sul territorio sono arrivate grandi iniziative e forme di attrazione anche dal punto di vista comunicativo per dare un'immagine di Ostia diversa e molto più positiva” ha sottolineato l’assessore al turismo ed allo sport di Roma Capitale. “Piange davvero il cuore” ha spiegato Onorato riferendosi alle varie esplosioni,  che riportano Ostia sulle pagine della cronaca nera e mortificano il lavoro fatto per rilanciare l’immagine del litorale. “Un lavoro straordinario che vede tra gli altri l'arrivo del Giro d'Italia a Ostia” ha ricordato Onorato, o “i Mondiali di skate che porteremo a ottobre”. Per non parlare degli investimenti destinati, con il Pnrr, al litorale. Ma non c’è il rischio che questi episodi possano far venire meno i progetti in cantiere perché, ha dichiarato l’assessore comunale, “siamo molto concentrati e siamo convinti che questi soldi saranno utili sia per il recupero del lungomare, un tratto molto importante del quale verrà finalmente rifatto, sia per i tantissimi altri interventi previsti”.

I prossimi appuntamenti in agenda

A proposito di investimenti per il futuro rilancio di Ostia, Alessandro Onorato si è detto sicuro che “a settembre il sindaco Gualtieri e il prefetto organizzeranno un momento sul territorio in cui si tornerà a parlare non soltanto di repressione, che è fondamentale, ma anche di proposta e di rinascita di Ostia, del suo litorale e del suo entroterra”. Intanto, sempre tra un mese, è previsto un nuovo incontro del comitato sulla sicurezza “probabilmente – ha annunciato la vicepresidente municipale – proprio sul territorio di Ostia”. A confermare quanto annunciato dai due assessori, è lo steso sindaco di Roma. “A settembre - ha promesso il sindaco -  organizzeremo un incontro in municipio assieme al prefetto, coinvolgendo tutte le istituzioni, la cittadinanza e le forze sociali e produttive locali”. Nel frattempo aumenteranno i controlli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bombe a Ostia, tutti d'accordo al tavolo del prefetto: servono maggiori controlli sul territorio
RomaToday è in caricamento