Alberi caduti, il monitoraggio annunciato non basta: la manutenzione è insufficiente

Tutti i quadranti cittadini colpiti dal crollo dei pini

Nella foto il pino crollato in via Caterina Martinelli

Mostacciano, San Paolo, Colli Aniene. E poi ancora Prati, la Camilluccia. I pini della Capitale continuano a schiantarsi, provocando un clima di generale apprensione tra i romani. A restarne colpite sono infatti strade, piazze, giardini pubblici. Luoghi frequentati perchè, la presenza di alberi d'alto fusto nella Capitale più verde d'Europa, è davvero capillare.

I casi recenti

Della caduta di alberi, ne fanno le spese tutti i quadranti cittadini. A Colli Aniene, a due passi dalla riserva della Cervelletta, un pino si è schiantato su due panchine. Una "tragedia sfiorata" hanno sottolineato i cittadini, comprensibilmente preoccupati.  Sulla Cristoforo Colombo invece, all'altezza del bidet di San Paolo,  si è staccato solo un ramo. Le sue dimensioni sono però impressionanti e si è trascinato dietro un bel pezzo di chioma. E' caduto da qualche settimana e si trova ancora riverso a terra, in un giardino  che viene  frequentato dai residenti che portano a spasso i loro amici quadrupedi. 

Un pericolo reale

Al di là del pericolo percepito e ben oltre ai danni causati agli arredi urbani, ci sono quelli fisicamente subiti dalle persone. Martedì 12 settembre, in via Cassia all'incrocio con via vilfredo Pareto, la caduta di un pino ha investito due auto e causato il ricovero all'ospedale San Pietro di una donna, entrata in codice rosso. Due giorni prima, stessa situazione è stata vissuta a San Basilio. In quel caso i feriti sono stati un paio ed il più grave dei due, sempre in codice rosso, è stato trasportato al Pertini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una manutenzione insufficiente

A fine luglio l'amministrazione aveva annunciato un articolato piano di monitoraggio e manutenzione della alberature di alto fusto. Tre milioni e mezzo di euro, ottenuti attraverso una gara comunitaria. Soldi da investire per controllare lo stato di salute di pini, lecci, platani. Ottantamila piante, distribuite in tre municipi. Il piano, annunciato  a Mostacciano, uno dei quartieri più verdi e piùà colpiti dalla rottura dei pini, non sta sortendo gli effetti attesi. I fondi non sono sufficienti per garantire monitoraggi in tutta la Capitale.  Il bollettino di quest'ultima settimana, ne costituisce una  plastica rappresentazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento