Politica

Roma non è Verona, M5S e centrosinistra bocciano la mozione 'pro-vita': "Sostegno alle 194"

Via libera a due mozioni "in difesa dell'autodeterminazione delle donne"

Roma non sarà una seconda Verona. In Assemblea capitolina opposizioni di centrosinistra e maggioranza a Cinque Stelle hanno bocciato la mozione 'pro-vita' di Giorgia Meloni di Fdi e approvato due provvedimenti, uno presentato da Pd, DemA e RomaTornaRoma e un'altra da Stefano Fassina di Sinistra per Roma che ribadiscono il rispetto della legge 194. L'Aula ha approvato l'atto "in difesa degli inalienabili diritti di autodeterminazione delle donne garantite dalla legge 194/1978, a tutela della salute e del riconoscimento di una maternità consapevole" con 30 voti favorevoli e 5 astenuti, e respinto quello della leader di Fdi con 33 contrari e 6 favorevoli. 

A motivare la decisione del M5S è stata la presidente della commissione Politiche sociali, Agnese Catini: ''Noi come gruppo siamo a favore dell'autodeterminazione delle donne. Siamo a favore di questa mozione" presentata da Stefano Fassina "per ribadire l'intenzione di questa assemblea per la piena applicazione della 194 e per dare la possibilità alle donne, come prevede la legge, di autodeterminarsi''. Mentre, intervenendo in seguito sulla mozione Meloni, Catini ha aggiunto: "Noi siamo per le donne, per la vita delle donne e per le scelte delle donne. Il nostro gruppo voterà no". 

In Campidoglio la protesta contro la mozione 'pro-vita'

"È sbagliato alimentare visioni caricaturali dove c'è chi è pro-vita e chi contro, chi per l'aborto e chi contro" le parole di Fassina. "La legge 194 ha trovato un punto d'equilibrio importante tra le visioni diverse: la promozione della vita, ma con la possibilità per le donne di autodeterminarsi". E per questo, secondo il deputato di Si, "bisogna intervenire su quelle parti della legge 194 che sono state disattese. Chiediamo un impegno alla sindaca affinché sia chiara la difesa degli inalienabili diritti di autodeterminazione delle donne davanti a posizioni offensive che a volte hanno le caratteristiche dell'oscurantismo. Non è una mozione abortista, ma per l'autodeterminazione delle donne".

La mozione 207/2018 a prima firma Meloni impegnava la sindaca e la Giunta 'a proclamare Roma città a favore della vita, inserendo nello Statuto di Roma Capitale questo principio generale e predisponendo piani straordinari per il supporto alle politiche della famiglia e della natalità'. Come ha spiegato la parlamentare di Fratelli d'Italia intervenendo in Aula, "sono d'accordo quando si dice che la legge 194 non è contro la vita, ma anzi trovava un equilibrio tra la necessità di aiutare le donne che ricorrevano ad aborti clandestini e quella di considerare la pratica dell'aborto come estrema. Il problema è che dopo 40 anni una lettura ideologica ha impedito l'applicazione di alcuni articoli che avrebbero fornito un'alternativa alle donne che volevano portare avanti la gravidanza". 

"Il cuore della legge 194 è l'autodeterminazione delle donne e questo principio e' stato ribadito con forza oggi dall'Aula di Roma, grazie al voto favorevole delle opposizioni di centro sinistra e della maggioranza M5S" hanno scritto in consiglieri del gruppo capitolino del Partito Democratico in una nota. "La 194 è una buona legge dello Stato che da quarant'anni difende la vita e insieme la scelta libera delle donne a una maternità consapevole, che affronta la prevenzione come tema centrale. Le decisioni oggi dell'Aula di Roma vanno nella direzione di rafforzare le scelte libere delle donne"

"Roma è a favore della vita e non ha senso scriverlo nello Statuto, perché a difesa della vita ci sono già la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo e la Costituzione italiana. Per questo ho votato contro la mozione presentata dalla collega Giorgia Meloni e ribadito il mio sì alla tutela della legge 194, votando a favore delle altre due mozioni" le parole della capogruppo in Campidoglio della Lista civica Roma Torna Roma, Svetlana Celli. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma non è Verona, M5S e centrosinistra bocciano la mozione 'pro-vita': "Sostegno alle 194"

RomaToday è in caricamento