menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bilancio 2021, i tagli preoccupano gli assistenti sociali

Il grido d’allarme dal consiglio regionale degli assistenti sociali: “Questi servizi sono un punto di riferimento per tanti cittadini”

"Siamo molto preoccupati per i tagli che Roma Capitale si accinge ad operare ai servizi sociali come indicano le tabelle di bilancio relative all'esercizio 2021 attualmente in discussione. Una iniziativa che lascia interdetti e che non trova giustificazione alcuna. Ci attendiamo che il Campidoglio accantoni questa ipotesi che non sarebbe assolutamente compresa da quei cittadini per i quali i servizi sociali sono un punto di riferimento del quale non possono essere privati". A parlare è Patrizia Favali, presidente del consiglio regionale del Lazio dell'ordine degli assistenti sociali, in merito ai tagli che Roma Capitale si appresta ad attuare in riferimento alle risorse destinate a finanziare i Servizi sociali.

A manifestazione disapprovazione nei confronti dei tagli al sociale, nei giorni scorsi anche le sigle sindacali, scese in piazza in difesa del welfare. A commentare il ridimensionamento dei fondi, anche la presidente della commissione politiche sociali, Maria Agnese Catini che in aula ha definito il bilancio 'senza visione, cuore e anima'. L’indignazione degli assistenti sociali nasce anche a seguito del ruolo ricoperto durante dell’emergenza sanitaria da Covid-19, periodo in cui è stata messa in evidenza l’importanza di questo settore. "Ci saremmo aspettati un rafforzamento ed un rilancio dell'intero sistema del welfare capitolino realmente rispondente alle esigenze dei cittadini più fragili e dei lavoratori e dei professionisti che quotidianamente li assistono" ha aggiunto Favali. Per l’ordine degli assistenti sociali sarebbe stato preferibile un taglio agli interventi ‘a pioggia estranei ad una logica di un welfare moderno ed innovativo pronto ad affrontare i nuovi bisogni e le nuove povertà indotte dall'emergenza sanitaria e sociale che il Paese sta affrontando’.

Da qui la richiesta: “Il consiglio regionale del Lazio dell’Ordine degli assistenti sociali, esprime con forza l'urgenza di un rafforzamento delle misure volte ad assicurare un nuovo e idoneo sistema di welfare auspicando si realizzino quanto prima momenti ed occasioni di reale ed effettiva partecipazione e confronto dell'amministrazione capitolina con tutti gli attori coinvolti, per assicurare la continuità dell'assistenza erogata e la qualità dei servizi alla cittadinanza”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento