rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica

Risponde al bando per diventare assessora ma viene ignorata, consigliera M5S: "Fatto grave"

La capogruppo M5S del XII Municipio, Francesca Benevento, chiede il motivo della mancata presa in considerazione della sua candidatura: "Ho inviato nei tempi e con le modalità previste tutta documentazione richiesta nel bando"

I termini per la presentazione delle domande si sono chiusi il 26 marzo. I colloqui sono iniziati. Eppure la convocazione in Campidoglio non le è ancora arrivata. Francesca Benevento, capogruppo del Movimento cinque stelle del XII Municipio, tra i 'profili' che hanno partecipato alla 'call' della Giunta Raggi per la figura di assessora ai Lavori Pubblici, ha così deciso di inviare una lettera alla sindaca Virginia Raggi e ai consiglieri comunali.

"La presente per richiedere ufficiali riscontri, circa la mancata convocazione della sottoscritta ai colloqui inerenti la call pubblica per assessora ai Lavori Pubblici. Difatti, avendo inviato nei tempi e con le modalità previste tutta documentazione richiesta nel bando in oggetto ed essendo in possesso sia dei requisiti tecnici che di appartenenza politica indicati nella call, non vi sarebbe alcuna astratta o concreta motivazione per non prendere in considerazione la mia candidatura" si legge nella lettera. "In virtù del tanto volte citato principio della massima trasparenza" continua "mi sarebbe dovuta quantomeno giungere un’ ufficiale comunicazione circa le motivazioni del mancato invito ai colloqui per la carica in oggetto. E reputo un fatto estremamente grave, quello per cui ciò non sia avvenuto". 

La capogruppo, giovedì scorso al fianco del Presidente dell'Aula Marcello De Vito durante la presentazione del film 'Il mondo di mezzo' nella sala della Protomoteca, recentemente finita agli onori della cronaca per alcune affermazioni "sulle lobby farmaceutiche" pubblicate su Facebook, risponde alle caratteristiche richieste: donna, iscritta al Movimento almeno dal 1 gennaio 2016, laureata in materie 'tecnico-scientifiche' o 'economico- giuridiche', in particolare in architettura. "Mi sarebbe dovuta quantomeno giungere un’ufficiale comunicazione circa le motivazioni del mancato invito ai colloqui per la carica in oggetto". La stessa sorte, secondo quanto si apprende, sarebbe toccata a Luisa Petruzzi, consigliera nel XV Municipio, nome che era emerso dal tavolo dei Lavori Pubblici in seguito ad un voto interno. Una mancata chiamata che non è andata giù a una parte di attivisti dei tavoli 'Lavori Pubblici' e 'Trasparenza' allineati con le posizioni della capogruppo.

Dal Campidoglio, in realtà, l'avevano scritto nero su bianco nel testo della 'call'. "L’accoglimento e le successive fasi di valutazione e selezione avverranno ad insindacabile giudizio del gruppo di selezione", composto da consiglieri, assessori e, "in fase finale", dalla sindaca. E non è esclusa nemmeno l'ipotesi di "non procedere alla selezione di alcun candidato". Eppure la mancata convocazione non è passata inosservata a una parte della cosiddetta 'base' che ha seguito con attenzione tutte le fasi della procedura partecipando con una propria 'candidata'. Intanto le deleghe ai Lavori Pubblici restano 'temporaneamente' nelle mani dell'assessore all'Urbanistica, Luca Montuori. Il nome della nuova assessora non è ancora stato annunciato. Ancora vuota anche la poltrona dell'assessorato alla Casa. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Risponde al bando per diventare assessora ma viene ignorata, consigliera M5S: "Fatto grave"

RomaToday è in caricamento