Grillo cambia idea: "L'avviso di garanzia non è automaticamente grave"

Pubblicato sul blog il codice di comportamento del Movimento Cinque Stelle. Alcune regole rivedono la prassi sin qui portata avanti dai grillini

Grillo con gli eletti in Campidoglio

C'erano una volta le mappe degli indagati del Pd; c'era una volta l'incubo avviso di garanzia; c'era una volta l'obbligo di dimissioni immediate. C'era una volta, da oggi non c'è più. Beppe Grillo, "comicoleader" del Movimento Cinque Stelle, riscrive le regole etiche del Movimento e regala una novità che nelle prossime settimane potrebbe avere ripercussioni importanti soprattutto sulla Capitale. 

Il nodo centrale è l'obbligo di obbligo di informare "immediatamente e senza indugio il gestore del sito" M5S dell'esistenza di procedimenti penali in corso anche se la ricezione di un avviso di garanzia "non comporta alcuna automatica valutazione di gravità dei comportamenti". Le novità fondamentali sono contenute qui. Si tratta di un codice suddiviso in sei punti con "lo scopo di garantire una condotta, da parte dei portavoce eletti, ispirata ai principi di lealtà, correttezza, onestà, buona fede, trasparenza, disciplina e onore, rispetto della Costituzione della Repubblica e delle leggi". L'eletto M5S "in qualsiasi fase del procedimento penale, può decidere, a tutela dell'immagine del MoVimento 5 Stelle, di auto-sospendersi dal MoVimento 5 Stelle senza che ciò implichi di per sé alcuna ammissione di colpa o di responsabilità". 

In uno dei punti chiave del codice, il quarto, intitolato "presunzione di gravità", al Garante del MoVimento 5 Stelle, ovvero Grillo, al Collegio dei Probiviri o al Comitato d'appello vengono affidati ampi poteri discrezionali. Il codice stabilisce che quando questi abbiano "notizia dell'esistenza di un procedimento penale che coinvolge un portavoce del M5S possono sanzionare l'indagato anche "a prescindere dall'esito e dagli sviluppi del procedimento penale".

Essi possono considerare "grave e incompatibile con il mantenimento di una carica elettiva quale portavoce M5S la condanna, anche solo in primo grado, per qualsiasi reato commesso con dolo", possono "equiparare alla sentenza di condanna la sentenza di patteggiamento, il decreto penale di condanna divenuto irrevocabile e l'estinzione del reato per prescrizione intervenuta dopo il rinvio a giudizio". Inoltre possono decidere di sanzionare l'eletto anche in caso di "pronunzie di dichiarazione di estinzione del reato per esito positivo della messa alla prova, di sentenze di proscioglimento per speciale tenuità del fatto, di dichiarazione di estinzione del reato per prescrizione".

DI SEGUITO (BASTA CLICCARE SU CONTINUA) I 6 PUNTI DEL CODICE ETICO 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Coronavirus, a Roma 1306 nuovi casi. D'Amato condanna: "Assurde le scene viste nei centri commerciali"

Torna su
RomaToday è in caricamento