Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica

I mezzi nuovi di Atac sono difettosi e restano in rimessa: la fase 2 perde altri 90 bus

Acquistati nel 2019 tramite gara Consip, il costruttore li ha richiamati indietro per un difetto di fabbricazione. Calabrese: "A lavoro per interventi sui veicoli". Interrogazione del Pd alla sindaca

Alcuni bus modello Citymood

Proprio quando vi è necessità di poter contare sul massimo numero di mezzi possibili in strada, perché i bus nella fase 2 devono necessariamente restare vuoti al 50%, ecco che Atac deve rinunciare a ben 90 vetture, ferme in rimessa. 

Acquistati nel 2019 da Industria Italiana Autobus (IIA) tramite gara Consip, gli autobus, a metano, risultano difettosi, o meglio con un componente che in altre vetture circolanti fuori Roma ha dato problemi. Per sicurezza e precauzione il costruttore li ha richiamati indietro. Il pezzo guasto, uguale in tutte le vetture della partita, va sostituito. 

"Già da domani i tecnici avvieranno i primi interventi sui veicoli per renderli di nuovo operativi" rassicura l'assessore ai Trasporti Pietro Calabrese, replicando a chi attacca la partecipata e il socio unico di inefficienza in un periodo così delicato come quello della riorganizzazione totale del servizio pubblico. 

"Ci tengo a precisare che questi lavori sono assolutamente gratuiti per Roma Capitale e verranno svolti a cura della rete di assistenza della casa costruttrice" prosegue ancora Calabrese. "Sappiamo tutti che le case produttrici di veicoli organizzano campagne di richiamo quando si verificano anomalie tecniche dovute a vizi di progettazione o difetti dei componenti. È così da sempre". 

Nel caso di Atac però sembra quasi una maledizione. Non è la prima volta che nuovi mezzi annunciati in pompa magna, fondamentali per svecchiare il parco auto dell'azienda, rimangono poi fermi. Basti pensare ai 70 bus israeliani euro 5, presi a noleggio ma fermi per mesi nei parcheggi perché non rispettavano le direttive comunitarie, e mai entrati in circolazione. 

Sul caso dei interviene il gruppo Pd capitolino con un'interrogazione urgente alla sindaca e all'assessore. "Chiediamo di conoscere quali siano i tempi di riconsegna e messa su strada dei 90 autobus in questione; quali siano i tempi per la consegna dei restanti autobus della medesima fornitura; e infine come l'Amministrazione intenda supplire alla mancanza di 90 mezzi del parco auto".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I mezzi nuovi di Atac sono difettosi e restano in rimessa: la fase 2 perde altri 90 bus

RomaToday è in caricamento