Politica

Strisce blu: per un lavoratore auto-dipendente aumenti per 194 euro al mese

La denuncia viene dall'Adoc, pronta a dare battaglia al provvedimento che nei giorni scorsi ha ottenuto il via libera della commissione Bilancio

La decisione spaventa molti cittadini. Pendolari 'obbligati' ad utilizzare la propria auto per raggiungere il posto di lavoro. È l'aumento della tariffa per la sosta nelle strisce blu. Dopo l'approvazione in giunta nei giorni scorsi il provvedimento, propedeutico al bilancio previsionale 2014, ha ottenuto il via libera dalla commissione Bilancio presieduta dal consigliere Pd Alfredo Ferrari. Si innalza così a 1,50 euro il ticket orario in tutte le zone interne ed esterne alle zone a traffico  limitato. Ma quello che più potrebbe incidere è la soppressione delle tariffe agevolate. Basta ticket giornaliero di 4 euro per 8 ore. Via anche l'abbonamento mensile di 70 euro. Si paga all'ora. E si paga 1,50 euro. La differenza per chi utilizza la macchina tutti i giorni sarebbe considerevole. Contro il provvedimento però c'è già chi è pronto a dare battaglia.  

AUMENTI AL MESE - L'Associazione per la difesa e orientamento dei consumatori ha calcolato un danno mensile di 194 euro per i lavoratori costretti a utilizzare l'automobile. “Siamo assolutamente contrari a qualsiasi aumento a 1,50 euro l'ora delle tariffe di parcheggio all'interno delle strisce blu” dichiara Lamberto Santini, Presidente dell'Adoc. “Non è accettabile, neanche a livello ipotetico, un aumento delle tariffe né qualsiasi taglio delle agevolazioni attualmente presenti. Soprattutto nelle condizioni in cui attualmente versa il trasporto pubblico romano, con il 75% dei cittadini “costretto” a raggiungere il posto di lavoro utilizzando il proprio mezzo”.

BASTA ABBONAMENTI - Per Adoc il danno “sarebbe gravissimo”in particolare l'abolizione dell'agevolazione di 4 euro per 8 ore di parcheggio l’aumento dei costi per una sosta continuativa di una giornata lavorativa sarebbe del 300% (12 euro per 8 ore considerando l’aumento a 1,50 euro del costo orario del parcheggio); eliminando l’abbonamento mensile di 70 euro la spesa salirebbe a 264 euro al mese (8 ore di parcheggio per 22 giorni di lavoro medi mensili): un ricarico del 377%. Commenta Adoc: “E’ evidente che si andrebbe a penalizzare una larga fetta della popolazione, tagliando di fatto le entrate del bonus di 80 euro emanato dal Governo. Una soluzione inaccettabile e insostenibile. Considerando che non esiste, ad oggi, una valida alternativa di mobilità a Roma. Serve rafforzare e migliorare il trasporto su ferro e di superficie, assolutamente. Un miglior trasporto pubblico non solo migliora la mobilità ma è un vantaggio anche per l'ambiente e, più in generale, per la qualità della vita”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strisce blu: per un lavoratore auto-dipendente aumenti per 194 euro al mese

RomaToday è in caricamento