Lunedì, 20 Settembre 2021
Politica Bufalotta / Via Alberto Lionello

Auchan Porta di Roma diventa Conad, ma solo a metà. I lavoratori: “Paura per gli esuberi”

Lo spettro dell’esubero si è abbattuto su 250 addetti alle vendite dell’ex Auchan del centro commerciale, a novembre la chiusura. La Fisascat Cisl: “Vanno tutti ricollocati”

foto Google Maps: P. P.

“A due mesi dalla chiusura non abbiamo alcuna certezza, non sappiamo quanti esuberi sono previsti ma temiamo che saranno tanti”. La preoccupazione è palpabile  tra i lavoratori di Auchan Porta di Roma: nell’ambito del passaggio sotto l’insegna Conad un piano dell’ipermercato ha già chiuso.

Auchan Porta di Roma: chiuso un piano

Luci spente, serrande abbassate, casse inoperative: agli addetti che si occupavano del comparto non alimentare è stata aumentata la percentuale di cassa integrazione, ma la paura di essere tagliati fuori dal personale viaggia anche tra gli scaffali semivuoti del piano di Auchan ancora aperto, tra chi è giò in cassa integrazione al 30%. E’ l’ennesima "crisi" degli ipermercati: troppo grandi per essere mantenuti così come sono da Conad intenzionata dunque a ridurne gli spazi e frazionarne le licenze. 

La crisi degli ipermercati Auchan: da Porta di Roma a Casal Bertone "rischio esuberi"

Se nel passaggio sotto l’insegna della margherita a Collatina l’occupazione è rimasta piena, non sarà così a Casal Bertone, dove resta da capire il futuro di 52 lavoratori, a Fiumicino la procedura non è ancora stata aperta A Porta di Roma: dei 300 addetti, 50 hanno già dato la preadesione per l’uscita incentivata, i restanti 250 navigano però tra incertezza e timori. 

“Non sappiamo quali siano i requisiti che la nuova azienda utilizzerà per stabilire chi resta dentro e chi invece fuori. Non abbiamo certezze sul futuro” - racconta a RomaToday uno dei lavoratori. Una vita tra gli scaffali la sua: addetto alle vendite da oltre 20 anni. “Questa è la prima volta nella mia vita lavorativa sento il terreno franare sotto ai piedi: a quanto pare a novembre Auchan chiuderà del tutto per la ristrutturazione e noi ancora non sappiamo nulla di quel che ci aspetta”. 

La speranza dei lavoratori è quella che il numero degli esuberi sia contenuto e che gli altri vengano ricollocati, anche nelle attività che subentreranno ad Auchan al secondo piano. 

I supermercati Sma e Auchan passano a Conad: "I lavoratori siano tutti ricollocati"

“Per tutti i lavoratori di Margherita Distribuzione a Roma e nel Lazio deve essere previsto un percorso di ricollocamento all’interno della rete Conad, che peraltro ha una presenza forte e capillare nella Capitale e in regione. Sono infatti numerosissimi i punti vendita già esistenti, le nuove aperture previste e i terzi subentranti all’interno degli ipermercati” - ha dichiarato Giulia Falcucci, della Fisascat-CISL di Roma Capitale e Rieti. 

Un percorso di salvaguardia che per il sindacato dovrà valere per tutti i punti vendita rimasti ancora fuori dal passaggio: i tre supermercati ex Sma Zambarelli, Mazzini e Platani, e gli ex Auchan Casalbertone, Porta di Roma e Fiumicino. "Nessuna famiglia deve restare sospesa nell’incertezza. Non vorremmo trovarci di fronte ad atteggiamenti unilaterali da parte di Conad, che si sono recentemente verificati in altre regioni. Conad - sottolinea Falcucci - dovrà dare priorità alla ricollocazione degli ex lavoratori Auchan, attuali Margherita Distribuzione, prima di avviare qualsiasi iter assunzionale in vista delle nuove aperture”. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Auchan Porta di Roma diventa Conad, ma solo a metà. I lavoratori: “Paura per gli esuberi”

RomaToday è in caricamento