menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto: Google Maps

foto: Google Maps

Conad-Auchan, i lavoratori degli ipermercati in bilico: a Casal Bertone 52 “a rischio”

Nell’operazione di acquisizione gli ipermercati rappresentano l’anello debole: con la riduzione delle superfici lo spettro degli esuberi. La Uiltucs: “Premesse allarmanti anche per Porta di Roma e Fiumicino”

Sono rimasti aperti per garantire i beni di prima necessità durante il lockdown, in prima linea durante l’emergenza Coronavirus: ma adesso per i lavoratori di Auchan, acquisita con una maxi operazione da Conad, si apre un nuovo periodo di incertezze. 

Se Collatina è passato sotto l’insegna Conad senza tagli al personale, per gli altri tre ipermercati Auchan di Roma e dintorni la prospettiva potrebbe essere ben più critica. A Fiumicino la trattativa non è ancora iniziata mentre Porta di Roma, che davanti a se ha il dimezzamento della superficie, è già in allarme per i probabili esuberi. 

Auchan Casal Bertone: 52 lavoratori a rischio

Il fronte più caldo all’Auchan di Casal Bertone. Il passaggio sotto l’insegna Conad porterà alla riduzione degli spazi e al frazionamento della licenza: dei 199 lavoratori attuali, saranno solo 130 quelli che troveranno posto nel nuovo supermercato di Conad. Ancora in via di definizione i criteri per individuare chi sarà “salvato”. E se 17 hanno già dato la preadesione alla mobilità volontaria, resta da capire quale sarà il futuro per 52 addetti dell’ex Auchan con la ricollocazione nel perimetro aziendale o l’assorbimento da parte di chi acquisterà la superficie in surplus dai contorni incerti. 

Ipermercati Auchan, lavoratori in bilico: “Situazione allarmante”

“La situazione dei lavoratori Auchan-Conad desta grande preoccupazione. Su Casal Bertone abbiamo chiesto prima numeri certi: non può mancare la chiarezza quando si parla di oltre 50 persone che rischiano di rimanere senza lavoro” - ha detto a RomaToday, Alessandro Contucci, segretario regionale della Uiltucs Roma e Lazio. “Se questi sono i numeri la prospettiva è allarmante anche per Porta di Roma e Fiumicino: d’altronde il futuro degli ipermercati era un punto critico su cui avevamo chiesto attenzione e certezze già mesi fa. E’ chiaro - conclude Contucci - che il metodo di ricollocazione dei lavoratori non sta funzionando”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento