Ater, entro il 2022 fibra ottica in 15mila alloggi popolari: si comincia dalla Garbatella

In occasione dell’avvio dei lavori di ristrutturazione in 4 lotti popolari, Ater e Regione hanno annunciato l’avvio del piano fibra. Zingaretti: “Portiamo modernità ed innovazione alle periferie, a partire da Garbatella”

Si parte dalla Garbatella, che quest’anno celebra il centenario, e si termina con decine di altri quartieri distribuiti in tutta la città. La Regione Lazio ed Ater hanno infatti annunciato l’avvio del  progetto “fibra”. Con il contributo di Open Fiber si punterà a superare il digital divide in 15mila alloggi popolari.

La Garbatella

Il progetto è stato lanciato dal Presidente Nicola Zingaretti e dal D.G. di Ater Andrea Napoletano, nel corso di una conferenza stampa svoltasi negli ex Bagni Pubblici di Garbatella. L’azienda di edilizia residenziale pubblica è tornata ad investire sul centenario quartiere del Municipio VIII. Dopo l'intervento finalizzato a rilanciare una trentina di locali extraresidenziali inutilizzati, la Garbatella è tornata protagonista. Dal 19 ottobre, in via Edgardo Ferrati ed in via Fausto Vettor, è infatti partito un piano di manutenzione che andrà ad interessare appartamenti presenti in 4 lotti popolari.  

Un milione di euro per i lotti della Garbatella

La Regione contro il digital divide

L’avvio dei lavori di ristrutturazione ha fornito l’occasione per lanciare il piano con cui si punta ad installare le nuove connessioni a fibra ottica. "Un progetto - ha spiegato Nicola Zingaretti - che nasce da una riflessione sulle periferie della città e dalla necessità di non tagliare fuori nessuno”. Il primo quartiere a beneficiarne, sarà quello dove si è svolto il lancio dell'iniziativa. “Portiamo modernità e innovazione alle periferie, partendo dalla Garbatella” ha dichiarato Zingaretti. Superare il digital divide rappresenta un obiettivo tanto più importante ora “si parla molto di lezioni a distanza  di smart working e si dice che tutti possono accedervi”. Salvo poi scoprire, come ha ricordato il governatore, che “non è vero”.

"Prosegue il piano di rigenerazione delle periferie di Roma", il commento dell'assessore regonale alle Politiche abitative della Regione Lazio, Massimiliano Valeriani, presente all'evento. "Garbatella è un'altra tappa di questo percorso. Negli ultimi due anni abbiamo investito oltre 200 milioni di euro per risanare il patrimonio dell'Ater. Ma non solo case: gli interventi di riqualificazione riguardano anche le aree verdi e i parchi gioco. Oggi però inauguriamo anche un altro importante progetto per portare la fibra ottica nei complessi Ater. Un'altra preziosa opportunità per modernizzare la città e rilanciare il tessuto sociale e culturale delle periferie di Roma".
 

L'investimento tecnologico e la pandemia

All’incontro, svoltosi negli ex Bagni Pubblici, oggi Moby Dick, ha preso parte anche il presidente del Municipio VIII Amedeo Ciaccheri. Il Minisindaco, oltre alla soddisfazione espressa per l’avvio dei cantieri alla Garbatella, ha dichiarato anche l’apprezzamento per l’intenzione di partire col progetto fibra “dal nostro territorio”. Un intervento che "riduce il digital divide ed aumentando la capacità tecnologica, proprio quando la pandemia ne sottolinea l'urgenza”. 

Dove sarà installata la fibra ottica

Il piano d’installazione della fibra ottica negli appartamenti di Ater si articola in tre anni. Nel 2019 è previsto che coinvolga 1873 alloggi (dalla Garbatella a Spinaceto, passando per il Tiburtino III, Tor Sapienza ed il Quadraro). Il grosso degli interventi si svolgeranno però nel 2020 e coinvolgeranno numerosi quartieri, tra i quali Primavalle, Quarticciolo, Trullo, Tor Marancia. Il piano, che prevede la posa di 20mila km di fibra ottica, si concluderà nel 2022 raggiungendo quartieri come Tor Bella Monaca, Talenti, Casilino e Torre Gaia.

Open Fiber

“Open Fiber dimostra anche oggi di essere in prima linea per l’innovazione del paese e della sua Capitale. Il Lazio ha bisogno di una rete di telecomunicazione ad altissima capacità e velocità in grado di supportare le future evoluzioni tecnologiche e l’incremento del traffico dati generato da una società e un’economia sempre più digitali, a vantaggio di cittadini e imprese del territorio. L’accordo di oggi con Ater segna un’ulteriore passo in questa direzione” ha dichiarato Elisabetta Ripa, amministratore delegato di Open Fiber. “Nella regione lavoriamo con un investimento privato e pubblico di oltre 560 milioni di euro. Abbiamo già connesso circa 540mila unità immobiliari che corrispondono a più di un terzo del piano totale di oltre 1,6 milioni di Unità immobiliari” ha ribadito l'a.d. di Open Fiber. A questi numeri si aggiungono ora i 15mila che, entro tre anni, saranno raggiunti a Roma dallo stesso servizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento