Più abbonamenti con tariffe riviste: la rivoluzione di Atac e Campidoglio

Il 5 agosto scorso l'assessore alla Mobilità Improta ha scritto una 'lettera di indirizzo' a tutti gli organi interessati. Obiettivo: mettere in campo azioni per "aumentare gli introiti" e la "lotta all'evasione"

Non sono state un fulmine a ciel sereno per il Campidoglio le parole del commissario alla spending review Carlo Cottarelli. Anzi. Per l'assessorato alla Mobilità e ai Trasporti di Roma Capitale si è trattato di una conferma. In linea con le dichiarazioni del commissario del governo infatti, dagli uffici di Improta, lo scorso 5 agosto era uscita una nota indirizzata ai vertici di Atac, ai sindacati e agli organi capitolini competenti, compreso l'assessorato al Bilancio, con oggetto “Linee guida per il risanamento tecnico-economico dell'azienda Atac”. Piano antievasione, revisione della bigliettazione, azioni finalizzate all'implementazione della vendita. Una sorta 'road map' del trasporto cittadino che punta ad utilizzare tutti gli strumenti a disposizione per aumentare gli introiti. Intanto dall'assessorato fanno sapere che non ci sarà alcun aumento del titolo di viaggio. "Piccoli" ritocchi all'insù, al contrario, interesseranno gli abbonamenti per cui il Campidoglio vedrebbe bene una riorganizzazione.

REVISIONE TARIFFARIA – Alla luce delle parole di Cottarelli, spicca il punto 'h'. Al capitolo in questione si legge: “Revisione delle condizioni tariffarie e delle norme di utilizzazione dei titoli di viaggio”. La voce fa subito pensare ad un ulteriore incremento del ticket, dopo quello applicato durante l'amministrazione Alemanno che ha portato il costo del biglietto da un euro a un euro e cinquanta. Dal Campidoglio però allontanano con certezza tale ipotesi. Diverso il discorso per gli abbonamenti che invece potrebbero subire gli aumenti, "leggeri" precisano dal Campidoglio, indicati dallo stesso Cottarelli. In programma però c'è anche una riorganizzazione delle tipologie di abbonamento. Tra le ipotesi la creazione di abbonamenti ad hoc per diverse esigenze. Per esempio chi utilizza solo le linee di superficie, chi se ne serve prevalentemente in periferia oppure solo per le linee notturne. Tra le possibilità anche la reintroduzione di un mini-abbonamento di tre giorni, utile soprattutto per i turisti. Per alcuni cittadini questa riorganizzazione quindi si potrebbe anche trasformare in un risparmio.

PIANO ANTI-EVASIONE - Tra i primi punti dell'atto “di indirizzo” dell'assessore Improta, la lotta all'evasione. Un'operazione che va ad agire soprattutto sull'impiego del personale a disposizione. In Atac non è una novità. Già nei mesi scorsi, di fronte a un organico di amministrativi considerato troppo elevato per le necessità dell'azienda capitolina, la politica adottata è stata quella di 'spostare', seppur su base volontaria, parte del personale dagli uffici alla 'strada' dove scarseggiano i controllori. Nel piano comunicato quest'estate viene infatti esortata dal Campidoglio la “mobilità professionale”. Si legge nel documento: “In particolare nel commerciale la missione delle singole strutture organizzative dovrà essere modificata e reindirizzata verso una maggiore attività di front line: controllo, verifica e vigilanza per contrastare l'evasione e l'elusione tariffaria”. Obiettivo: “Il raggiungimento di almeno il 37% di copertura dei costi con i ricavi da mercato entro il 2017”. Il tema riguarda anche il capitolo sul “costo del lavoro”. Nel documento infatti si consiglia ad Atac “l'acquisizione della qualifica di 'incaricato di polizia amministrativa' per dirigenti e quadri e attività di controlleria”. Obiettivo: “Due milioni di controlli nel triennio 2014, 2015, 2016”.

SANZIONI PIU' SICURE - Sulla stessa linea si muove l'indicazione di Improta che chiede la predisposizione di “nuovi modelli organizzativi che dovranno portare risorse verso le stazioni, i capolinea, a dei bordo mezzi”. Allo stesso tempo, Improta chiede di adottare un approccio più severo verso gli evasori. Al punto 'f' si legge: “Revisione del processo sanzionatorio con certezza della sanzione e semplificazione della riscossione delle multe”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IMPLEMENTAZIONE DELLA VENDITA – Non solo il piano anti-evasione. Per aumentare gli introiti, e quindi la vendita dei titoli di viaggio, si punta ad un “aumento dei canali di vendita, anche con i ricorso alle nuove tecnologie”. Tra le ipotesi in campo, la possibilità di acquistare il biglietto tramite sms, provvedimento già annunciato anche dal sindaco Ignazio Marino. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento