Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica

L'assessore ai Trasporti Guido Improta annuncia le dimissioni

Dopo giorni di indiscrezioni è arrivata la conferma dal diretto interessato. Da decidere ancora il quando: "E' una prerogativa del sindaco". Improta nega una lettura 'politica' della sua scelta: "E' personale"

Dopo giorni di indiscrezioni è arrivata la conferma del diretto interessato: Guido Improta lascerà la poltrona di assessore alla Mobilità. A non essere ancora chiaro è quando, ma la decisione ormai è presa. Come ha detto al termine di una audizione in commissione Turismo, “tempi e modalità verranno decise dalle persone che hanno responsabilità politiche e a cui compete il potere di mantenermi in questa carica, sono prerogativa del sindaco e del Pd e mi atterrò alle decisioni che verranno assunte”. 

Improta ha voluto smarcare la sua decisione dal contesto politico che sta vivendo la Capitale e il suo sindaco. “Si sapeva che la mia esperienza, e lo dissi anche in tempi non sospetti, era da considerare a termine, dopodiché questo termine doveva essere concordato per non penalizzare l'attività del sindaco”. E ancora. “Aderisco alla richiesta di Orfini, di non far assumere un significato politico a una scelta personale”. Stessa risposta anche di fronte al sospetto che dietro la decisione di Improta, o almeno la sua tempistica, ci sia anche lo 'zampino' del premier Renzi: “Sono una delle centinaia di migliaia di persone che ha votato Matteo Renzi alle primarie, non so se questo sia sufficiente per essere etichettato come 'renziano' ma sicuramente non è corretto dire che delle scelte di tipo personale implichino una valenza politica addirittura del presidente del Consiglio” ha risposto. Quindi ha negato: “Non c'è alcun nesso di causa-effetto”.

La fase per Marino però è particolarmente delicata. E con le dimissioni di Improta, politiche o meno che siano, la giunta Marino perderebbe una delle sue 'pedine' portanti. Un tassello a cui andrebbe ad aggiungersi anche quello della poltrona al Bilancio con Silvia Scozzese pronta a lasciare. Improta, sollecitato dalle domande, non ha però mancato di dare una risposta 'renziana': “Il rapporto col Governo e il Parlamento nei confronti del Comune di Roma è sempre stato disponibile, laddove c'erano le occasioni e i contesti perché comune di Roma meritasse questa attenzione. Se in altri contesti non riusciamo a ottenere le risposte forse, come dice il presidente del Consiglio, ci dobbiamo guardare allo specchio e verificare se abbiamo fatto tutto quello che era nelle nostre possibilità”. 

Ora, quindi, non resta che capire quando il sindaco Marino dovrà guardarsi intorno per cercare un altro assessore alla Mobilità. Molto probabilmente l'addio avverrà dopo la relazione di Gabrielli. Lo ha lasciato intendere anche l'assessore: “Quello che hanno detto Orfini e la Serracchiani è il perimetro della discussione. Il primo ha detto che ci sono delle valutazioni complessive che vanno fatte in presenza della relazione del prefetto Gabrielli e la seconda ha avuto la sensibilità di evidenziare che ci possono essere delle scelte personali che non necessariamente debbano essere oggetto di una valutazione politica. Prendo atto di queste due autorevoli voci del Pd e con i tempi e i modi che hanno voluto indicare collegherò le mie decisioni e le decisioni del sindaco rispetto ai due paletti posti”.

Infine una breve valutazione del suo operato: “Penso di lasciare meno problemi di quelli che ho trovato, tantissimi progetti avviati e tre realtà molto ben presidiate, cioè Atac, Roma Servizi per la Mobilità e Roma Metropolitane. Abbiamo adottato un Pgtu che regge in termini strategici anche ad appuntamenti straordinari come il Giubileo. Lasciamo i cassetti pieni, per cui chi verrà dopo di me potrà arricchire con la sua esperienza un percorso significativo”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'assessore ai Trasporti Guido Improta annuncia le dimissioni

RomaToday è in caricamento