Politica

Acea: approvato il maxiemendamento, il Pd occupa l'aula

Il maxiemendamento dà l'ok ad Acea Spa nella holding di Roma Capitale e l'opzione, privilegiata, di cedere il 21% di quote al fondo mobiliare di Cassa Depositi e Prestiti

Nuova seduta infuocata in Campidoglio sul futuro di Acea. I consiglieri del Pd hanno occupato l'aula dopo l'approvazione in Commissione Bilancio di un nuovo maxi-emendamento con il quale si modifica la delibera numero 32 che stabilisce la cessione di alcune quote di Acea e la costituzione della nuova holding e la seduta è stata sospesa.

AULA OCCUPATA - I consiglieri del Pd hanno occupato gli scranni della Giunta e hanno esposto alcuni cartelli con su scritto "Alemanno calpesta la democrazia, no alla svendita". "Oggi - ha detto il capogruppo del Pd in Campidoglio, Umberto Marroni - si è consumata l'ennesima, indecente forzatura da parte del Pdl che, malgrado la disponibilità dell'opposizione a discutere nel merito e la richiesta di sospendere i lavori per avere il tempo di visionare il nuovo maxi-emendamento, ha imposto la votazione immediata del nuovo provvedimento tentando di portare a casa la svendita di Acea contro Roma, con colpi di mano, truffe, blitz e procedure illegittime calpestando ancora una volta le regole. Torniamo a chiedere l'intervento del prefetto".

MARRONI - Momenti tesi anche fuori dall'aula Giulio Cesare:  "E' una cosa vergognosa - ha raccontato il capogruppo del Pd in Campidoglio Umberto Marroni - Qui ci sono metodi che hanno raggiunto il carattere della truffa: il presidente della commissione Bilancio Guidi non voleva farci presentare i nostri emendamenti portandoseli via. Abbiamo superato il limite della decenza. Mai accaduta una cosa così nella storia del Comune di Roma". "La maggioranza - ha aggiunto - con l'ennesima forzatura oggi in commissione ha approvato con un colpo di mano un emendamento sostanziale alla delibera che la riscrive per far decadere i nostri emendamenti. Poi hanno deciso di dare solo un'ora e mezza per la presentazione dei sub-emendamenti. E' vergognoso".

GUIDI - "I sub-emendamenti che erano stati presentati in commissione - ha replicato il presidente della commissione Bilancio Federico Guidi - e che quindi le appartengono, sono stati prelevati da alcune persone non identificate. Me ne sono accorto ed ho chiamato la Polizia Municipale per identificare quelle persone. Poi sono arrivati dei consiglieri del Pd a cui ho semplicemente detto che si tratta di atti pubblici e come tali restano in commissione. Ho dato disposizione di depositarli in segretariato generale". "Mi riservo di depositare una denuncia contro ignoti - ha aggiunto - perché c'erano persone che non erano consiglieri che stavano portando via atti pubblici con un carrellino".

OK 21% A CASSA DEPOSITI E SPA IN HOLDING -   Le novità inserite nel maxiemendamento approvato in Commissione Bilancio riguardano l'inserimento di Acea Spa nella holding di Roma Capitale  e l'opzione, privilegiata, di cedere il 21% di quote al fondo mobiliare di Cassa Depositi e Prestiti.
Il documento è stato messo in votazione dopo un esame in discussione alla quale "hanno preso parte numerosi consiglieri di maggioranza e opposizione - ha spiegato il presidente della Commissione Federico Guidi - quindi è da stigmatizzare il comportamento dell'opposizione che ha pensato, ancora una volta, di impedire una discussione pacata e ragionata". Collegato al maxiemendamento, a quanto si apprende, ci sarebbe il cosiddetto “emendamento-killer” che fa decadere tutti i subemendamenti presentati in precedenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acea: approvato il maxiemendamento, il Pd occupa l'aula

RomaToday è in caricamento