menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto da Pixabay.com

Foto da Pixabay.com

In arrivo arnie comunali per l'apicoltura: asse M5s-Lega-Pd per salvare le api

Nuovi spazi per l'apicultura urbana. Voto all'unanimità in Consiglio comunale alla delibera a firma dei consiglieri M5S Daniele Diaco

Tutti uniti per salvare le api. Chi l'avrebbe mai detto. Dal M5s alla Lega passando dal Pd, in aula si è formato un asse inedito, ma su nulla che riguardi i cronici problemi della Capitale. L'Assemblea capitolina ha approvato ieri all'unanimità, con 30 voti favorevoli, la proposta di delibera 91/2019 ('Apicoltura urbana') a firma dei consiglieri M5S Daniele Diaco, presidente della commissione Ambiente, e Simona Ficcardi che dà mandato alla sindaca di Roma, Virginia Raggi e alla sua Giunta di individuare spazi pubblici da dedicare all'apicoltura urbana. 

Un progetto per le arnie comunali

Di cosa si tratta? Nella sostanza della realizzazione di arnie comunali l'apparentemente inarrestabile moria delle api, creature fondamentali per la tutela della biodiversità e per il benessere e la sopravvivenza umana, che negli ultimi 15 anni a causa del cambiamento climatico e della deforestazione selvaggia sono scomparse con percentuali che vanno dal 30 al 90% a seconda della zona del mondo presa a riferimento. 

L'Assemblea capitolina ha approvato all'unanimità, con 30 voti favorevoli, la proposta di delibera 91/2019 ('Apicoltura urbana') a firma dei consiglieri M5S Daniele Diaco, presidente della commissione Ambiente, e Simona Ficcardi che dà mandato alla sindaca Virginia Raggi e alla sua Giunta di individuare spazi pubblici da dedicare all'apicoltura urbana coinvolgendo i cittadini, in particolare i giovani, nella realizzazione di arnie urbane e artistiche, 'api didattica', educazione alimentare e ambientale, manifestazioni, mostre e incontri. 

Cosa prevede la delibera

La delibera prevede inoltre di incrementare il verde pubblico, in particolare con specie vegetali gradite alle api, e ridurre progressivamente l'utilizzo degli erbicidi, oltre a sensibilizzare la cittadinanza sul valore dell'apicoltura come bene comune indispensabile per la tutela della biodiversità e per il benessere umano. "L'ape, in qualità di impollinatore, rappresenta il 70% dell'alimentazione agroalimentare, delle nostre verdure e dei nostri alimenti, e questo ci fa capire l'importanza di questo insetto e della sua eventuale estinzione" ha spiegato Diaco illustrando il provvedimento in Aula. 

Il tema dell'apicoltura, ha sottolineato, "rientra in un tema molto sentito che è quello della food policy, un tema legato alla produzione agroalimentare e alla lotta dei cambiamenti climatici. Tutto questo spinge la città di Roma a tutelare questi insetti, costruendo delle arnie che sono la casa di questi insetti per metterli in sicurezza e aiutarli a riprodursi. Un'attività che già viene portata avanti in alcuni Municipi, come il Municipio V dove si è messo in campo un importante progetto sull'apicoltura urbana". 

Oltre alla costruzione di arnie, ha specificato Diaco, "Roma Capitale cercherà di sensibilizzare i ragazzi nella cultura della salvaguardia delle api all'interno delle scuole e dei centri culturali. Su un tema così importante e delicato, Roma può essere capofila e gli altri Comuni potranno seguirci. E' un atto che rientra in un piano d'azione per la mitigazione dei cambiamenti climatici, alla lotta degli agenti inquinanti, alla salvaguardia della biodiversità e anche alla salvaguardia della produzione agroalimentare. Sono temi centrali dove la politica, come sta facendo l'Europa, deve dare un importante contributo''

(Fonte Agenzia Dire)
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona arancione più vicina per Roma e il Lazio. D'Amato: "Curva in ascesa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento