rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Politica Appio Latino / Via Latina

Un nuovo parco tra gli Acquedotti per rilanciare l’antica via Latina

Una decina di comitati sta chiedendo al comune d'investire su un'area situata a ridosso del parco delle Tombe Latine.

Tra via dell’Arco Di Travertino, via Appia Nuova, Via Grottaferrata e via Demetriade c’è un’area  sui cui hanno puntato l’attenzione associazioni e comitati. Dieci realtà, in larga parte ricadenti nel municipio VII, stanno infatti chiedendo all’amministrazione cittadina di adoperarsi per creare un nuovo parco pubblico. Lo hanno fatto lanciando prima un appello scritto al sindaco Gualtieri, poi un’iniziativa, a fine maggio, che ha permesso di sfalciare e bonificare il sito d.a molti rifiuti. Ed infine richiedendo al Campidoglio di convocare una commissione ad hoc in cui trattare l’argomento. Richiesta che, nella giornata del 5 luglio, è stata accolta.

La strada da riscoprire ed il parco da creare

“L’appello che rivolgiamo al Comune è quello di salvare la via Latina – ha chiarito Roberto Federici, dell’associazione “Comitato per la Caffarella” – dell’antica strada restano infatti pochi frammenti. Si trovano ad esempio nel parco degli Acquedotti e nella Caffarella. E’ stata in gran parte distrutta da edificazioni sorte anche in maniera disordinata, ad esempio nella zona di Tor Fiscale. Però c’è un’area, adiacente il parco delle Tombe latine, che andrebbe investigata e sicuramente resa fruibile. Si tratta di cinque ettari di proprietà della provincia di Roma, su cui chiediamo alle istituzioni di investire”.

Il sito in questione, è stato ricordato durante la seduta congiunta della commissione ambiente e cultura, era stato acquisito al patrimonio pubblico per farne “il manicomio di Roma Sud”, una funzione a cui però non ha mai assolto. “E’ una bella balconata sul Parco delle Tombe della via Latina, su Tor Fiscale e sulla Caffarella” ed all’interno di quell’area sono sepolti i resti della via Demetriade e della chiesa di Santo Stefano. Investire su quell’area, facendone un nuovo “parco tra gli acquedotti”, diverrebbe un volano per il quadrante e  anche per la vicina Torre del Fiscale.

Gli impegni presi dai consiglieri comunali

Non tutta l’area è di proprietà della provincia di Roma. “Le competenze su quel sito sono molteplici” è stato rilevato dal consigliere Rocco Ferraro sul tema ha promesso l’interessamento della Città Metropolitana. Ed il Campidoglio cosa farà? “Predisporremo una delibera di indirizzo, sul genere di quanto fatto per il parco LineaRe  – hanno convenuto Erica Battaglia e Giammarco Palmieri, i presidenti delle commissioni cultura ed ambiente –da una parte servirà a recepire l’idea, visto che ancora non parliamo di un progetto, proposta dai comitati. Dall’altro sarà lo strumento con cui istituzionalizzare un tavolo di lavoro, presso il Gabinetto del sindaco” che sia utile anche a far dialogare i diversi attori interessati a quel sito. 

L'appuntamento per l'autunno

Nel frattempo  i comitati faranno la loro parte. “In autunno – ha annunciato il comitato per la Caffarella – faremo una grande assemblea pubblica, se il municipio è d’accordo nello spazio polifunzionale all’arco di Travertino. Abbiamo chiesto al comune di partecipare, per informare i cittadini sulla storia di quell’area e per far conoscere le iniziative che l’amministrazione, nel frattempo, avrà avviato”. L’obiettivo è il rilancio di quello spazio e dell’antica via Latina che, in quel quadrante, attende di essere riscoperta.
 

Nuovo parco tra gli Acquedotti_i 5 ettari interessati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un nuovo parco tra gli Acquedotti per rilanciare l’antica via Latina

RomaToday è in caricamento