Giovedì, 18 Luglio 2024
Politica

Andrea Bossola, ex manager di Acea, è il nuovo direttore generale di Ama

A quattro mesi dall'avviso pubblico arriva la scelta definitiva. Polemiche dalle opposizioni per una vicenda giudiziaria che coinvolge il nuovo dg

Andrea Bossola è il nuovo direttore generale di Ama. L'ingegnere firmerà oggi il contratto con l'azienda capitolina dei rifiuti. Sul profilo dell'ex manager di Acea è caduta la scelta dell'amministratore unico Angelo Piazza, in accordo con il sindaco Gualtieri. Ad affiancarlo ci sarà un consiglio d'amministrazione a tre, come fissato da una delibera di giunta capitolina del 1 aprile e come già fatto per Atac. Una nomina arrivata a quattro mesi dalla pubblicazione dell'avviso pubblico per la selezione. 

Un impasse legato al passato di Bossola. Nel novembre del 2020 la procura di Civitavecchia ha chiesto per Bossola, e altre 15 persone, il rinvio a giudizio con l'accusa di disastro ambientale, legata ad approvvigionamenti d'acqua dal lago di Bracciano che nel 2017 causarono una pesante crisi idrica. Prima di luglio non si saprà se i giudici accoglieranno la richiesta di rinvio a giudizio. Ma il sindaco ha scelto comunque di piazzarlo al massimo vertice della partecipata. 

Le polemiche sulla nomina

Una decisione che ha già scatenato le polemiche da parte delle opposizioni. Definisce la nomina "inadeguata" il presidente della commissione Trasparenza, consigliere di FdI, Andrea De Priamo, perché "relegherebbe Ama al ruolo di canale di recupero di chi in Acea non ha certo brillato per varie vicende". Storcono il naso anche i leghisti. "Pur nel rispetto della presunzione d'innocenza, sempre da garantire, rammentiamo che si tratta di un personaggio che ha dovuto lasciare Acea a causa della crisi idrica del lago di Bracciano del 2017, e oggi è sotto processo per disastro ambientale proprio per quegli accadimenti - dichiara Fabrizio Santori - il sindaco Gualtieri ha fatto una pessima scelta, dettata solo dalla priorità di spingere il carro verso la china che gli fa più comodo". 

Le sfide del nuovo dg

La formalizzazione della nomina di Bossola consentirà ad Ama di entrare nel vivo degli interventi da programmare per restituire decoro alla città. Il piano industriale è certamente tra le priorità e in parallelo la reingegnerizzazione della raccolta, tanto annunciata dall'assessora ad Ambiente e Rifiuti Sabrina Alfonsi, insieme alla realizzazione degli impianti per trattamento e smaltimento sul territorio. Discarica in primis. Il 21 aprile è previsto un consiglio comunale straordinario sui rifiuti, al quale parteciperà a fianco dal sindaco anche nuovo direttore. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Andrea Bossola, ex manager di Acea, è il nuovo direttore generale di Ama
RomaToday è in caricamento