menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Anagrafe, per i certificati a vista niente più prenotazioni on line: si torna in fila agli sportelli 

La novità dal 1 ottobre. L'assessore De Santis: "Misura che punta a snellire con nuovo personale agli sportelli"

Niente più prenotazioni on line per certificati anagrafici rilasciabili a vista. A partire dal prossimo 1 ottobre si torna direttamente agli sportelli. Non sarà più necessario avvalersi del sistema Tupassi, la piattaforma web lanciata durante la consiliatura dell'ex sindaco Ignazio Marino. "Sarà sufficiente richiedere i certificati compilando un apposito modulo di richiesta ed esibendo un documento di riconoscimento" fa sapere il Campidoglio che informa tramite una nota stampa del nuovo iter da seguire. 

Certificazioni a vista, atti sostitutivi, atti notori, permessi di soggiorno e richieste di estratti degli atti di stato civile saranno ritirabili direttamente facendo la fila agli sportelli dei municipi con il vecchio metodo del "numeretto". Un ritorno al passato? Non secondo l'assessore al Personale Antonio De Santis. Anzi, "si tratta di una misura finalizzata a ottimizzare e a snellire ulteriormente le procedure. Con l’arrivo di nuovo personale presso gli sportelli e con il potenziamento dei servizi online, per i cittadini diventa sempre più semplice e agevole accedere alla documentazione richiesta"

In più, come anticipato da RomaToday, l'assessorato è a lavoro per portare lo stesso servizio nei chioschi di giornali. Un modo per rilanciare le edicole ma anche di offrire un servizio a chi non è così avvezzo alle tecnologie. Residenza, stato di famiglia, stato civile, cittadinanza, verranno presto rilasciati direttamente dal giornalaio sotto casa. Un'importante novità che il Campidoglio sta per inserire all'interno di un'apposita delibera di giunta. Si punta a far partire il nuovo servizio dal mese di settembre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento