Politica Centro Storico / Via della Consolazione

Bancarelle nei pressi dei mercati, la Polizia locale pronta a chiuderle: "Ricadono nella zona rossa. Ecco quando possono restare aperte"

Possibile chiusura delle bancarelle "fuori mercato a posto fisso" se non vendono generi previsti dal Dpcm Draghi : la precisazione del vice comandante della Polizia locale

Gli stalli definiti "fuori mercato a posto fisso" potrebbero finire in lockdown. Secondo un'intepretazione della polizia locale di Roma Capitale la loro attività potrebbe rientrare tra quelle vietate dalla zona rossa disegnata dal governo Draghi.

Il Dpcm del 2 marzo 2021 prevedrebbe infatti la sospensione dellle attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità. Proprio per i mercati si legge direttamente nel documento "Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici".

Il parere è contenuto in una lettera indirizzata dal comando di ai comandi locali.

Proprio dai territori è partita la richiesta sulla chiusura o meno di queste attività, il dubbio nasce leggendo il provvedimento del 2 marzo, che individua  le  attività  di  vendita  di  generi alimentari e di prima necessità nell’allegato 23, non sospese in zona rossa. Fra le attività  escluse  dalla  sospensione  ed  elencate nell’allegato è specificatamente indicata  la  voce "commercio  al  dettaglio  ambulante" per la  vendita  dei  seguenti  prodotti: “alimentari e bevande; ortofrutticoli; ittici; carne; fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti; profumi e cosmetici; saponi, detersivi ed altri detergenti; biancheria; confezioni e calzature per bambini e neonati”.

Lo stesso provvedimento dispone misure  più  restrittive per  i mercati prescrivendone la chiusura “indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici".

A dirimere il dubbio il vice comandante della Polizia locale, il quale scrive: "Per  quanto di competenza si ritiene che il campo di applicazione della prescrizione dell’articolo 45, comma  2 debba intendersi esteso anche alle attività di commercio su aree pubbliche che, sebbene non facciano tecnicamente parte dell’organico del mercato di riferimento, fisicamente  sono  collocate all’interno del perimetro del mercato stesso. La  situazione riguarda  prevalentemente  posteggi  isolati  fissi  appartenenti  alle  rotazioni commerciali delle merci varie. Si ritiene, pertanto che,qualora un’attività di commercio su aree pubbliche con posteggio isolato fisso si  trovi all’interno  di  un’area  mercatale,  senza  fare formalmente parte  del  suo  organico,  debba comunque osservare le limitazioni previste dall’articolo 45, comma 2, ovvero possa restare aperta solo se vende generi alimentari, prodotti agricoli o prodotti florovivaistici".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bancarelle nei pressi dei mercati, la Polizia locale pronta a chiuderle: "Ricadono nella zona rossa. Ecco quando possono restare aperte"

RomaToday è in caricamento