Martedì, 27 Luglio 2021
Politica

Ambulanti, il diktat del Campidoglio: via dal Centro cento bancarelle. Ma mancano i posteggi alternativi

Ci dovranno pensare i municipi a trovare i luoghi dove dislocare gli ambulanti entro dicembre 2019. E' quanto stabilito dal Tavolo del decoro

Immagine d'archivio

Una mappa con i posteggi alternativi per le bancarelle da completare entro l'anno. E' l'input uscito dal Tavolo del decoro, strumento avviato sotto l'ex sindaco Ignazio Marino nel 2014. Consente a Comune, Stato e Regione Lazio di sedersi uno di fronte all'altro per mettere a punto le strategie necessarie alla regolamentazione del commercio ambulante. Dai camion bar ai "mutandari", ma anche fiorai e artisti. Una riunione tecnica che si è tenuta ieri mattina in via dei Cerchi con la partecipazione dei municipi interessati agli spostamenti, il I (Centro storico e Prati), il II (Nomentano e San Lorenzo) e il VII (Tuscolano) e i rappresentanti della Polizia locale, della Sovrintendenza capitolina, del dipartimento Mobilità e del Gabinetto della sindaca. 

A quanto apprende l'agenzia di stampa Dire, durante l'incontro gli uffici del dipartimento hanno illustrato ai tecnici dei municipi le modalità con cui individuare i posteggi alternativi. Toccherà a loro segnalare al Campidoglio dove potranno essere riposizionate le circa cento postazioni che il Tavolo ha deciso di spostare lontano dalle aree centrali della città. Per questo, già a luglio scorso l'assessorato aveva inviato a tutti i municipi delle linee guida che potessero supportare l'individuazione delle nuove aree. Alla fine, però, dovranno essere i parlamentini a segnalare le aree interessate. E dovranno farlo "entro dicembre". È questa l'indicazione politica emersa ieri dalla riunione. Non poche cento postazioni da trovare sono tante. E nei corridoi dell'assessorato si ragiona su altre soluzioni, tra cui "l'estrema ratio" di revocare alcune licenze e ripagare i titolari con un indennizzo.

"Adesso mi aspetto che entro il 31 dicembre i municipi abbiano ultimato l'individuazione dei posteggi alternativi per gli ambulanti che verranno delocalizzati dalle aree di pregio del Centro. Io ho dato un cronoprogramma di lavori serratissimo e vigilerò attraverso la Cabina di regia che ho voluto e che comprende Gabinetto della sindaca, dipartimento Simu, Mobilità, Sovritendenza capitolina e Polizia locale". A dirlo è l'assessore capitolino allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro, Carlo Cafarotti, interpellato a proposito dall'agenzia Dire. "Come dalle disposizioni del Tavolo del decoro - aggiunge Cafarotti- siamo in attesa anche della firma del protocollo con la Regione Lazio, perchè è questo strumento che rende esecutivo tutto il lavoro. La Regione deve adempiere alla sottoscrizione del protocollo, ce lo aspettiamo a breve".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambulanti, il diktat del Campidoglio: via dal Centro cento bancarelle. Ma mancano i posteggi alternativi

RomaToday è in caricamento